L’agroalimentare Fvg e gli Usa: convegno a Rauscedo

20 Gennaio 2016

RAUSCEDO. Le opportunità offerte all’agroalimentare regionale dal rinnovo dei trattati sul commercio internazionale (TTIP), saranno presentate agli agricoltori e ai cooperatori giovedì 21 gennaio, alle 20, a Rauscedo di San Giorgio della Richinvelda, nella Sala riunioni dei Vivai Cooperativi (in via Udine 39), per iniziativa di Fedagri Fvg-Confcooperative Fvg. L’obiettivo dei TTIP è quello di integrare i mercati fra Ue e Usa, riducendo i dazi doganali e rimuovendo, in molti settori, le differenze in regolamenti tecnici, norme e procedure. Ciò renderà possibile la libera circolazione delle merci, facilitando il flusso degli investimenti e l’accesso ai rispettivi mercati. Sarà così creata la più grande area di libero scambio esistente, poiché i due continenti rappresentano circa la metà del Pil mondiale e un terzo del commercio globale.

«Circa il 50 per cento del Pil agroalimentare italiano è prodotto dall’export verso il Nord America, ma esistono ancora oggi molte barriere, in particolare di tipo fitosanitario, che ci impediscono di cogliere pienamente le opportunità che i nostri prodotti di qualità potrebbero avere in Paesi come Stati Uniti, Canada e Messico. La ricaduta potenziale è quindi enorme anche per l’agricoltura friulana», spiega Giorgio Giacomello, presidente di Fedagri Fvg. Dopo i saluti di Giacomello, sono previsti gli interventi di: Sergio Bolzonello, vice presidente della Giunta regionale e assessore alla cooperazione e Paolo De Castro, europarlamentare della Commissione agricoltura. Le conclusioni saranno tratte dall’assessore regionale alle Risorse agricole e forestali, Cristiano Shaurli.

La partecipazione all’incontro è aperta a tutti gli interessati.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!