La torre panoramica a Medea opportunità per il territorio

11 Agosto 2021

MEDEA. ”Quelle del consigliere regionale Diego Moretti sono affermazioni fuori luogo, di parte e che non fanno il bene della collettività. Ci sarà tutto il tempo per confrontarsi e illustrare le ricadute positive che la torre panoramica avrà per le attività economiche del territorio, anche in vista dell’appuntamento della Capitale europea della Cultura 2025”. Lo affermano, in una nota congiunta, il consigliere regionale Diego Bernardis (Lega) e il sindaco di Medea, Igor Godeas, replicando alle dichiarazioni dell’esponente Dem, Diego Moretti, a riguardo del progetto della torre panoramica sul Colle di Medea.

“Ciò che lascia piuttosto perplessi – continua la nota congiunta – è l’atteggiamento di aprioristica chiusura nei confronti di una proposta che permetterebbe di godere di una vista a 360 gradi sul Collio, le Alpi Giulie, quelle Carniche, le Dolomiti, il Golfo di Trieste, il Carso, la pianura Friulana, immersi in un contesto museale di primissimo ordine qual è l’Ara Pacis. Il tutto nella piena salvaguardia dell’ambiente circostante, del paesaggio del colle e nel rispetto della centralità di un monumento che rappresenta un simbolo per la comunità di Medea”.

“A differenza di altri – affermano ancora Bernardis e Godeas – che avversano qualsiasi innovazione reputandola eccessivamente ambiziosa e vorrebbero occuparsi solo della manutenzione dell’esistente, noi riteniamo che progetti come questo siano idonei a contribuire alla valorizzazione e a una maggior conoscenza del territorio creando un forte richiamo turistico con benefiche ricadute socioeconomiche, come avvenuto in altre località dove simili strutture sono già state erette”.

“Dopo cinque anni di cura Serracchiani – è la chiosa di Diego Bernardis – in cui il nostro territorio è stato svenduto e trascurato, è inaccettabile che il collega Diego Moretti getti fango sulla recente concertazione che ha rimesso le idee e le proposte delle comunità al centro dell’attenzione regionale. Capisco il gioco delle parti, ma stavolta è stato travalicato il limite del buonsenso”.

“Con il consigliere regionale Diego Bernardis – conclude il sindaco Godeas – si è creato, sin da quando quest’ultimo era sindaco di Dolegna del Collio, un rapporto di collaborazione e di stima reciproca che si è tradotto nella condivisione di molteplici progetti presentati dall’amministrazione comunale di Medea. Esprimo sincera gratitudine al consigliere Bernardis per il suo operato in seno al Consiglio regionale, sempre ispirato agli interessi del territorio, cosa che non si può dire per chi invece parrebbe guidato dallo spirito di parte o da vecchie acredini personali”.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!