Scienza nell’antico mulino

6 Dicembre 2012

TAVAGNACCO. Il “Dida Centre Immaginario Didattico & Parco per riflettere”, ultima nata delle sedi dell’Immaginario Scientifico, nonché la prima in terra “friulana”, sarà inaugurata ufficialmente venerdì 7 dicembre alle ore 11.00 alla presenza di Mario Pezzetta, sindaco del Comune di Tavagnacco, Fabio Carniello, direttore dell’Immaginario Scientifico e, ospite d’onore, Fiorenzo Galli, direttore del Museo della Scienza e della Tecnologia “Leonardo Da Vinci” di Milano.

Alle 11, dopo gli interventi e i saluti delle autorità, il pubblico avrà l’occasione di visitare il Mulino, con i suoi ambienti e strumenti didattici espositivi e laboratoriali e il Parco, con il suo percorso interattivo di exhibit nella sua versione ormai definitiva. Inoltre i bambini della scuola primaria di Adegliacco seguiranno tre laboratori didattici, tra quelli inseriti all’interno del ricco programma di offerta formativa dell’Immaginario Scientifico.

La sede, che ha iniziato le attività didattiche già a marzo 2012, vede la sua funzione primaria in quella di contenitore di servizi offerti al pubblico scolastico organizzato, con attività di didattica informale dedicate agli studenti di ogni ordine e grado. La scelta dei laboratori didattici che l’Immaginario Scientifico offre ad Adegliacco è varia e diversificata: si va dalle attività riservate ai bambini della scuola dell’infanzia (Lunedì dell’Infanzia) ai laboratori per studenti dai 6 ai 18 anni (Scienza come gioco). Attraverso sessioni laboriatoriali tematiche, semplici strumenti e materiali, le attività offrono ai partecipanti occasioni di apprendimento e sperimentazione diretta, permettendo di avvicinarsi alla scienza in modo informale ed esplorativo. A questa funzione si aggiunge quella più ludo-didattica rivolta al pubblico generico con i laboratori che da ottobre hanno preso il via nei fine settimana “Scienziati della domenica, ma di sabato!”, che sono dedicati ai bambini da 5 a 10 anni e che si svolgono ogni sabato pomeriggio alle 15.00 e alle 16.30. I laboratori sono un’occasione per costruire divertenti giocattoli scientifici capaci non solo di incentivare la manualità ma anche di stimolare le capacità logico-matematiche, di sollecitare la creatività e qualche riflessione sui fenomeni naturali.

Il nuovo centro sorge all’interno del ristrutturato mulino, di proprietà del Comune di Tavagnacco, che, grazie a una convenzione, ne ha affidato la gestione all’Immaginario Scientifico. Quest’ultimo è già gestore di altri 5 centri museali interattivi e multimediali in Friuli Venezia Giulia, dedicati alla didattica scientifica. L’Immaginario Didattico di Adegliacco vede inoltre la presenza dell’originale “Parco per riflettere – L’Immaginario Scientifico allo scoperto”: si tratta di una sorta di “giardino scientifico” nell’area esterna adiacente all’edificio, denominata Area Binutti. Qui è stata allestita una serie di percorsi all’aperto ispirati alla tradizione degli exhibit hands-on – ovvero le postazioni interattive da toccare, scoprire e manipolare, di cui l’Immaginario Scientifico è esperto – sui temi della riflessione, della geometria e della matematica. Il percorso interattivo, già visitabile dall’estate, dal 7 dicembre si presenterà nella sua forma definitiva. Il Mulino e il Parco sono già stati “testati” durante la manifestazione estiva del 4 e 5 agosto “Dinosauria: un ludo-festival tra il triassico e il cretacico” che ha visto l’ampia ed entusiasta partecipazione di grandi e piccini, tanto da suggerire una seconda edizione la prossima estate.

Venerdì sarà un’occasione per ttutti di partecipare non solo all’inaugurazione di una nuova struttura educativa, ma soprattutto alla rinascita di un luogo che per secoli è stato il simbolo di un’intera comunità.

Il mulino di Adegliacco

Il mulino di Adegliacco, situato lungo la Roggia di Udine, restituisce al territorio un pregevole esempio di archeologia rurale. L’edificio, il cui nucleo originario risale probabilmente al XIV secolo, conserva tutt’ora, perfettamente ristrutturato e funzionante, uno dei tre complessi ruota-macine impiegati per la sfarinatura del grano e del mais. Alle antiche pale si affianca oggi una nuova ruota a pale utilizzata per la produzione di energia elettrica.

La rete museale regionale dell’Immaginario Scientifico

L’Immaginario Didattico di Adegliacco è il quinto di una rete operativa di strutture museali di nuovo tipo, omologhe nelle modalità didattiche ed espositive, che operano in maniera cooperativa – sfruttando l’omogeneità di fondo delle tecniche e delle tecnologie adottate – e condividono “a rete” i prodotti sviluppati autonomamente dalle risorse, dalla creatività e dalle competenze locali. La rete regionale – creata e coordinata dal Laboratorio dell’Immaginario Scientifico di Trieste – comprende il Science Centre di Trieste (attivo dal 1999), il Museo della Centrale & Immaginario Scientifico di Malnisio di Montereale Valcellina (2007), il Geo Centre Immaginario Geografico & Centro di documentazione ex Latteria di Malnisio (2008), Science Centre Immaginario Scientifico di Pordenone (2011) e la gestione del Museo Archeologico di Montereale Valcellina.

Condividi questo articolo!