La Sagra del Vino si apre con i film recuperati di Elio Ciol

18 Aprile 2018

CASARSA. Reperti unici e in gran parte dimenticati e mai visti, che raccontano la rinascita di una cittadina friulana dopo i dolori della Seconda Guerra Mondiale grazie al lavoro portato dal settore agricolo in particolare vitivinicolo, elemento talmente importante dell’economica locale da divenire protagonista di una manifestazione tutta dedicata ad esso: la Sagra del Vino di Casarsa vivrà dal 19 aprile al 2 maggio la sua 70ma edizione con oltre 140 eventi per tutti i gusti e tutte le età, aperta da una grande anteprima tutta dedicata alla memoria casarsese.

Giovedì 19 aprile, alle 20.45 nel Teatro Comunale Pier Paolo Pasolini, sarà infatti proiettato per la prima volta “Il paese dell’uva”, documentario tratto dalle riprese cinematografiche realizzate, in particolar modo durante la Sagra tra 1950 e 1963, dal maestro Elio Ciol, fotografo di fama mondiale che fu amico di Pasolini e padre David Maria Turoldo. In quegli anni, accanto alla sua professione con la macchina fotografica, Ciol svolse un’intensa attività di cineamatore con il Cineclub di Udine girando diversi apprezzati documentari. Nel 1962 partecipò anche alle riprese del film “Gli ultimi” di Turoldo in qualità di fotografo di scena. I filmati erano stati donati da Ciol all’Archivio Cinema del Friuli Venezia Giulia, alla Cineteca del Friuli di Gemona, la quale ne ha curato la digitalizzazione. Il risultato è un dvd che sarà in vendita durante la serata di presentazione, il 19 aprile.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!