La Sagra del Vino casarsese dà appuntamento al 2021

20 Marzo 2020

CASARSA. Un grande atto di responsabilità oggi per ripartire più forti domani: la 72ma edizione della Sagra del Vino di Casarsa (originariamente prevista dal 23 aprile al 4 maggio) viene rimandata al 2021, come annunciato dai promotori della Pro Casarsa, con il presidente Antonio Tesolin, la Città di Casarsa, con la sindaca Lavinia Clarotto e i Viticoltori Friulani La Delizia, con il presidente Flavio Bellomo. Si lavorerà comunque nelle prossime settimane per svolgere in questo anno, probabilmente spostandola nel periodo estivo, la sesta edizione di Filari di Bolle, la Selezione degli Spumanti del Friuli Venezia Giulia che è collegata alla Sagra del Vino.

“Siamo consapevoli – hanno dichiarato gli organizzatori – che questo è il momento della responsabilità, del rispettare le direttive sanitarie per fare fronte all’emergenza Coronavirus. Per questo tutte le energie vanno convogliate in tale direzione, tanto più che a oggi non sappiamo come sarà la situazione a fine aprile anche se con il contributo di tutti si potrà tornare il prima possibile alla vita di prima. Sarà solo un arrivederci al prossimo anno, quando lavoreremo ancora insieme per dare alla comunità, alle sue aziende e associazioni questo grande momento di festa e di valorizzazione delle eccellenze casarsesi che è e sempre sarà la Sagra del Vino”.

Ma non tutto verrà posticipato – come detto – e presidente della Pro Loco e sindaca stanno ragionando insieme al presidente dell’Associazione Italiana Sommelier del Friuli Venezia Giulia Renzo Zorzi per svolgere comunque Filari di Bolle in date estive all’aperto, dando così anche un’occasione di rilancio alle numerose aziende del comparto spumantistico del Friuli Venezia Giulia e un momento di festa a tutte le persone. Aggiornamenti in merito seguiranno nelle prossime settimane.

Condividi questo articolo!