La Regione si impegna a tutelare il Consorzio Agrario

25 Novembre 2020

TRIESTE. Massima attenzione sul futuro del Consorzio Agrario del Friuli-Venezia Giulia da parte del Consiglio regionale, che oggi (25 novembre) ha approvato all’unanimità la mozione trasversale che impegna la Giunta a promuovere una serie di azioni volte a tutelare un «asset strategico friulano che – spiega il capogruppo del Patto per l’Autonomia, Massimo Moretuzzo – rischia di venire smantellato con l’aggregazione a una rete di consorzi di livello statale».

In particolare, la mozione impegna l’esecutivo a verificare con le realtà esistenti a livello regionale, esercitanti la medesima attività del Consorzio Agrario del Friuli-Venezia Giulia, la disponibilità a discutere ipotesi di sinergia, collaborazione o aggregazione con il Consorzio Agrario stesso per presentare agli amministratori consortili un possibile scenario alternativo; a costituire una cabina di regia, sotto il coordinamento dell’Assessore alle risorse agroalimentari, forestali e ittiche e alla montagna, con la partecipazione di una rappresentanza della II Commissione consiliare, per interloquire con gli organi del Consorzio, nell’interesse strategico regionale rispetto al futuro dell’ente, vigilando inoltre sugli sviluppi della vicenda.

«La presa di posizione unanime della massima istituzione regionale è un segnale importante», commenta Moretuzzo, che più volte nelle ultime settimane aveva sollecitato una presa di posizione forte dei vertici istituzionali regionali a difesa del Consorzio Agrario, realtà che, con i suoi 2 mila 200 soci, 120 milioni di euro di fatturato e un patrimonio di 22 milioni di euro, «rappresenta uno dei centri decisionali ed economici del territorio e, in quanto tale, sul territorio va trattenuto tutelandone l’autonomia operativa e decisionale».

Condividi questo articolo!