La Latteria di Ovaro presenta il San Martin al Cheese di Bra

21 Settembre 2019

OVARO. Ci sarà un angolo di Carnia all’edizione 2019 di Cheese. La rinomata manifestazione proposta da Slow Food, giunta alla sua dodicesima edizione, è in programma fino al 23 settembre Bra, in provincia di Cuneo. Fra gli espositori presenti c’è anche la Latteria di Ovaro, azienda che fa parte del Gruppo Pezzetta di Fagagna, che ha a portato in Piemonte il formaggio “San Martin”, prodotto che omaggia in forma simbolica il ponte parzialmente crollato sotto la furia del maltempo a ottobre 2018. «Abbiamo deciso di offrire questa vetrina al San Martin perché nelle ultime due edizioni di Cheese i formaggi a latte crudo hanno conquistato un’importanza sempre più rilevante. Noi, con la nostra referenza, siamo certi di poter dire la nostra» è il commento di Marco Pezzetta, titolare dell’omonimo gruppo alimentare.

Il San Martin è in vendita da pochi mesi e i primi riscontri sono stati positivi. «Piace – prosegue l’imprenditore – perché si distingue dal “solito” latteria. Ha un gusto tutt’altro che standard e ricorda prodotti caseari “retrò”, quelli degli anni Ottanta. Il suo successo è per noi fondamentale: stiamo studiando una linea di formaggi di montagna, recuperando alcune direttive Cee per la lavorazione». La nuova referenza è un formaggio a latte crudo, adatto a essere consumato fresco e con una stagionatura ottimale di 2-4 mesi. Nasce da una scelta di latte vaccino fatta in maniera attenta, proveniente da una selezione accurata di allevatori carnici, nel nome della “filiera corta” che è sempre sinonimo di qualità. La stessa attenzione viene riposta nella ricerca dei fermenti lattici, con lavorazioni “di una volta”. Nasce un prodotto perfetto per una classica merenda “pan e formadi”.

Dopo i tre giorni a Bra, il Gruppo Pezzetta sarà in prima fila anche ad un altro importante appuntamento: dal 5 al 9 ottobre è in programma, alla fiera di Colonia, Anuga, una delle più grandi fiere al mondo dedicate al settore Food&Beverage.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!