La biosicurezza negli allevamenti del Fvg: bilancio

19 Gennaio 2016

CODROIPO. Sono dieci anni che in Fvg si monitora e si studia la malattia delle mucose e la diarrea virale bovina (MD–BVD), una malattia grave causata da un virus a RNA classificato nel genere Pestivirus, diffusa in tutto il mondo e causa di importanti perdite economiche ove è presente. Un bilancio del piano di monitoraggio sarà fatto giovedì 21 gennaio nella sede dell’Associazione Allevatori del Fvg in via XXIX ottobre 9/b a Codroipo con esperti e studiosi del settore. Lo annuncia il presidente dell’Associazione Allevatori Fvg Renzo Livoni. Interverranno, a cominciare dalle 10.30 dopo le registrazioni dei partecipanti, il dott. Marco Bregoli, dirigente veterinario al Laboratorio di Udine – U.O. Sierologia pianificata della SCT4 Fvg e la dott.ssa Gabriella Conedera, direttrice della Struttura complessa territoriale 4 Fvg sezioni diagnostiche territoriali di Pordenone e Udine che parleranno del “piano di monitoraggio Bvd in Fvg, 10 anni a confronto”, mentre il dott. Manlio Palei, direttore del Servizio sanità pubblica veterinaria, parlerà del “nuovo piano Bvd 2016 in Fvg” e il dott. Daniele Gallo, veterinario libero professionista, di “biosicurezza negli allevamenti bovini”.

In Friuli Venezia Giulia, dopo la fase che ha riguardato il monitoraggio degli allevamenti a rischio di presenza di vitelli immunotolleranti effettuata dal 2001 al 2004, dal 2005 è stato messo in atto il piano di controllo della malattia, attraverso l’individuazione dei capi bovini e bufalini immunotolleranti per favorirne il loro allontanamento dalle strutture di allevamento. Scopo dell’incontro è valutare lo stato dell’arte del Piano di monitoraggio regionale e presentare il nuovo Piano 2016.

Condividi questo articolo!