Incontro Federsanità Anci fa il punto sulle Case di riposo

5 Settembre 2021

VALVASONE. Si è tenuta, nei giorni scorsi, un’ importante riunione promossa da Federsanità Anci Fvg con i rappresentanti e dirigenti delle Aziende Pubbliche Servizi alla Persona e Case di Riposo comunali associate di “minori dimensioni” (numero di posti letto inferiore a 60 ), ma non solo. Complessivamente, oltre alle Aziende Sanitarie, Irccs e ai rappresentanti dei Comuni, sono associate a Federsanità Anci Fvg, 22 Asp, 11 Case di Riposo comunali, 2 Consorzi, 2 Fondazioni e Federfarma Fvg.

I Presidenti di Federsanità Anci Fvg Giuseppe Napoli e della Fondazione, Enzo Gisonni, insieme al Sindaco Markus Maurmair, al direttore dell’Asp di Pordenone, Giovanni Di Prima e alle rappresentanti della Fondazione, Enrica Gri ed Emanuela Canciani

Dopo i saluti del Presidente di Federsanità Anci Fvg Giuseppe Napoli, del coordinatore del Gruppo di Lavoro Asp e Case di Riposo comunali Giovanni Di Prima, del Sindaco di Valvasone Arzene Markus Maurmair e del Presidente della Fondazione “Opera Colledani Bulian” Enzo Gisonni, sono intervenuti (in presenza e via web), per le Case di Riposo comunali i sindaci di Gemona Roberto Revelant, Mortegliano Roberto Zuliani, Aiello Andrea Bellavite e il coordinatore delle Case di Riposo comunali Renato Barbalace, vice sindaco di Tricesimo. Quindi, il Presidente dell’Asp “Sirch” di San Pietro al Natisone Marcello Franz e il direttore dell’Asp “Casa Lucia” di Pasiano di Pordenone. Presenti anche il direttore dell’Asp Istituto regionale per i ciechi “Rittmeyer” di Trieste Elena Weber e il segretario comunale di Mortegliano Sandro Gori.

“La riunione ha di fatto avviato una serie di approfondimenti con chi rappresenta e gestisce quelle strutture che sono state in prima linea nella fase dell’emergenza Covid e successivamente, principalmente per le perdite umane e poi per la necessità di rivedere organizzazione, personale, spazi e servizi al fine di garantire elevati standard di qualità per l’assistenza agli ospiti e i rapporti con i loro familiari”, ha dichiarato Giuseppe Napoli. Oggi, che grazie alle vaccinazioni gli effetti devastanti della pandemia sono stati ridotti sul fronte sanitario – ha concluso – è importante “ricostruire” rafforzando i servizi socio sanitari e il “Sistema Salute” sul territorio, insieme a tutti gli Associati, Comuni e Aziende sanitarie, alla Regione e agli altri soggetti di questa Rete fondamentale per i cittadini (medici di medicina generale, mondo della Cooperazione associazioni, etc.)”.

Per le realtà più piccole per numero di posti letto, fondamentali per le consolidate sinergie con le comunità locali e il territorio, Napoli, ha confermato l’impegno di Federsanità Anci Fvg, sulla base delle passate esperienze e modalità operative (reti e sinergie), per rappresentare adeguatamente alla Regione le proposte condivise “dal basso”. Peraltro – ha evidenziato – lo stesso modello della Fondazione di Valvasone – Arzene può essere di interesse anche per altre realtà”. Con tali finalità Federsanità Anci Fvg ha attivato un puntuale monitoraggio per approfondire la situazione attuale delle Strutture residenziali e semi residenziali per le persone anziane e non autosufficienti associate, al fine di concordare proposte utili e un documento comune, a tutto vantaggio della qualità di vita delle persone ospitate nelle strutture, delle loro famiglie, del personale e delle comunità.

Condividi questo articolo!