Incontro Coldiretti su voucher, caporalato e appalti

5 Febbraio 2017

PORDENONE – Voucher, caporalato e appalti. Questi sono stati i temi dell’incontro organizzato dalla Coldiretti di Pordenone al quale è intervenuto in qualità di relatore Romano Magrini responsabile relazioni sindacali, lavoro, immigrazione e sicurezza della Coldiretti nazionale.

Argomenti di attualità e interesse per centinaia di imprese agricole della provincia di Pordenone che in questi anni, nonostante la crisi, hanno saputo innovarsi, specializzarsi e crescere con un conseguente fabbisogno di manodopera. Presenti tra gli altri il presidente provinciale della Coldiretti Cesare Bertoia e i direttori regionale e provinciale rispettivamente Danilo Merz e Antonio Bertolla.

Magrini in apertura ha affermato come tutte le questioni che riguardano il tema in materia del lavoro debbano essere trattate con grande attenzione. In proposito ha ricordato la collaborazione di Coldiretti con il Governo nella recente stesura della legge di contrasto al caporalato. “È una legge – ha dichiarato – che abbiamo sostenuto e che deve colpire chi sfrutta ma che non deve toccare le imprese virtuose; colpire chi sfrutta significa eliminare concorrenti sleali dal mercato”.

Riguardo ai voucher ha riportato alcuni dati che hanno messo evidenza come l’impiego in agricoltura sia marginale, attestandosi solo all’1 per cento. In agricoltura inoltre ci sono più limiti in quanto sono consentiti solo per studenti, pensionati e cassintegrati. “Restano comunque –ha evidenziato- uno strumento importante per un settore che necessita di grande flessibilità considerato che la maggior parte delle lavorazioni occasionali dipendono dalla stagionalità e dal tempo”.

In conclusione Bertoia e Bertolla hanno ribadito il lavoro svolto da Coldiretti perché legalità e trasparenza siano requisiti fondamentali da rispettare quanto la qualità e la rintracciabilità delle materie prime; bisogna continuare con impegno per permettere alle aziende di crescere in termini di sicurezza ed etica del lavoro.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!