In ricordo dei poliziotti uccisi nella Strage di Natale a Udine

2 Novembre 2021

UDINE. “Ricordare i sacrifici delle donne e degli uomini delle forze dell’ordine significa rendere onore alle motivazioni etiche di una scelta di servizio e di vita e riconoscere il complesso e spesso pericoloso lavoro quotidiano di chi garantisce sicurezza ai cittadini. Tutta la nostra regione si è più volte inchinata al sangue versato di poliziotti colpiti nell’adempimento del dovere, pronti e presenti a testimoniare quell‘Esserci Sempre della Polizia di Stato. Uomini come i tre agenti Giuseppe ‘Guido’ Zannier, Adriano Ruttar e Paolo Cragnolino, le migliaia che operano ogni giorno in tutto il Paese, sono uno dei cardini su cui si regge l’ordinamento democratico. Anche per questo, e ancor più dopo la riapertura delle indagini, continuiamo a chiedere che sia fatta piena luce sulle circostanze che in quell’alba del 1998 hanno stroncato vite e famiglie”.

E’ la riflessione del segretario regionale Pd Fvg Cristiano Shaurli, presente oggi a Udine alla cerimonia di commemorazione dei Caduti della Polizia di Stato, durante la quale sono stati deposti fiori alla lapide che ricorda i Poliziotti deceduti nella cosiddetta Strage di Natale, avvenuta il 23 dicembre 1998 in viale Ungheria nel capoluogo friulano.

Condividi questo articolo!