In Eu il tasso di occupazione delle donne deve crescere

3 Settembre 2020

BRUXELLES. “Nei prossimi anni l’incremento del tasso di occupazione delle donne dovrà necessariamente essere al centro delle politiche dell’Unione europea anche per far fronte alla diminuzione della popolazione in età lavorativa il cui calo previsto entro il 2070 si attesta intorno al 18 %”. Lo scrive in una nota l’europarlamentare della Lega Elena Lizzi, commentando la relazione sull’impatto del cambiamento demografico presentata in Commissione occupazione, affari sociali e inclusione (Empl), di cui è componente.

“Nel 2019 il divario occupazionale tra donne e uomini è stato del 12 %, una disparità ancora più importante considerando la differenza nel ricorso al lavoro a tempo parziale delle donne rispetto agli uomini. Nel 2019 infatti circa tre donne occupate su dieci lavoravano a tempo parziale, un dato quattro volte superiore a quello dei colleghi maschi. La situazione – continua l’europarlamentare friulana – è certamente precipitata durante la pandemia sia perché sulle donne è ricaduta la responsabilità dell’assistenza agli anziani, alle persone con disabilità e ai figli, sia per l’assenza di servizi adeguati di assistenza formale a lungo termine, di opportunità di lavoro flessibili e di incentivi per le persone che costituiscono la seconda fonte di reddito familiare”.

Lizzi ricorda alcuni dati: nel 2019 il tasso di occupazione delle donne con figli di età inferiore a 6 anni era inferiore di quasi 14 punti percentuali rispetto a quello delle donne senza figli, la media della retribuzione oraria delle donne nell’Ue è inferiore a quella degli uomini del 16%, solo il 67% delle donne in Ue ha un lavoro contro il 78% degli uomini e le pensioni delle donne sono inferiori del 30,1% rispetto a quelle degli uomini. “La sfida della conciliazione tra la vita lavorativa e la vita familiare – conclude Lizzi – non può rimanere un annuncio sul manifesto della strategia per la parità di genere, ma deve assumere concretezza nel bilancio dell’Ue 2021-2027”.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!