In 4mila alla Grande Guerra nel Cinema

2 Settembre 2015

Laragazzaeilgenerale_loc1VENZONE – Dopo una breve proroga, si è chiusa a Venzone domenica 30 agosto, la mostra La Grande Guerra nel cinema – Venzone come set di Hollywood e Cinecittà: Addio alle armi (1957) La grande guerra (1959), La ragazza e il generale (1967), curata da Carlo Gaberscek, allestita dalla Cineteca del Friuli e realizzata, nell’ambito del progetto europeo Pot Miru/Via di Pace, con la Comunità Montana del Gemonese, Canal del Ferro e Val Canale, il Comune di Venzone, la Pro Loco Venzone e la Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia.

Forti del successo ottenuto, testimoniato dagli oltre 4.000 visitatori (di cui oltre mille hanno firmato il registro all’uscita lasciando i loro commenti) in meno di tre mesi, la Cineteca e i partner istituzionali sono alla ricerca di nuove sedi espositive per questa mostra pensata sin dall’inizio come itinerante.

Attraverso fotografie, manifesti e locandine, La Grande Guerra nel cinema documenta le tre produzioni cinematografiche sulla prima guerra mondiale, firmate rispettivamente da Charles Vidor, Mario Monicelli e Pasquale Festa Campanile, grazie alle quali tra gli anni ’50 e ’60 arrivarono in Friuli, con le troupe da Hollywood e Cinecittà, le star nazionali e internazionali: da Rock Hudson, Jennifer Jones, Vittorio De Sica, a Vittorio Gassman, Alberto Sordi, Silvana Mangano, a Rod Steiger, Umberto Orsini e Virna Lisi. I materiali della mostra provengono tutti dai fondi fotografici e di locadine e manifesti della Cineteca, con un prestito del collezionista Enrico Minisini. Dal prossimo autunno sarà disponibile anche la versione restaurata del film La ragazza e il generale.

A partire dalle ricche collezioni della Cineteca, si stanno progettando anche nuove esposizioni, una delle quali, curata sempre da Carlo Gaberscek, avrà come tema la caduta di Caporetto nel cinema e sarà allestita ancora a Venzone negli spazi di Palazzo Orgnani Martina. Impegnata a valorizzare le migliaia di manifesti che il cineasta, studioso e collezionista veneziano Gianni Da Campo, scomparso lo scorso anno, ha affidato alle sue cure, la Cineteca ha in programma anche una mostra sugli affissi pasoliniani.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!