Imu e Tasi a Cormons: novità

22 Maggio 2015

CORMONS. Quest’anno, per IMU e TASI, l’Amministrazione Comunale di Cormons ha affidato, in via sperimentale, il servizio di bonifica della banca dati comunale e invio dei modelli F24 precompilati a una ditta esterna. A fine maggio saranno inviate a tutti i proprietari di immobili siti nel Comune di Cormons delle comunicazioni, esito della bonifica della banca dati.

I soggetti che hanno una situazione catastale certa e il loro versamento 2014 corrisponde esattamente con quanto dovuto riceveranno i modelli F24 necessari per il versamento di IMU e TASI. Questi soggetti sono tenuti a verificare la correttezza dei dati utilizzati per i conteggi poiché per gli stessi si fa riferimento sia alla situazione catastale sia ad altre informazioni complesse (diritti di abitazione/uso, inagibilità, ecc.) che l’Ente potrebbe non conoscere esattamente. Si fa presente che, ove il contribuente non provveda a segnalare i dati necessari alla rettifica dei conteggi, gli Uffici Comunali potranno successivamente sanzionare eventuali errori nel versamento. Gli altri contribuenti riceveranno comunque un promemoria per il pagamento. Questi soggetti dovranno provvedere autonomamente al calcolo di quanto dovuto in base ai dati in loro possesso.

Un ulteriore servizio fornito ai contribuenti sarà l’inserimento, dalla fine di Maggio, sul Sito Web del Comune di Cormons, del “portale per il contribuente”. Qui, inserendo il proprio codice fiscale, il contribuente troverà la propria situazione risultante dagli archivi forniti dall’Agenzia delle Entrate – Sezione Territorio, e, dove possibile, bonificata da parte dell’Ufficio Tributi e avrà la possibilità di rielaborare i propri dati per ottenere un nuovo modello F24. Il programma darà la possibilità di inviare al Comune i dati modificati, dando così modo l’Ufficio Tributi di rettificare dei dati, per inviare il conteggio corretto nell’annualità 2016.

A causa della discordanza per i termini di Legge per la presentazione delle comunicazioni ai fini IMU/TASI ed i tempi necessari per l’elaborazione dei conteggi, per l’elaborazione degli stessi non si è tenuto conto dei casi di abitazioni concesso in comodato gratuito (limitatamente alla quota di rendita risultante in catasto non eccedente il valore di 400€ tra genitori-figli, ove comunicata al Comune) e dell’assimilazione all’abitazione principale concessa ai residenti all’estero, se iscritti all’AIRE (Anagrafe Italiana dei Residenti all’Estero) e pensionati nei rispettivi paesi di residenza. In questi casi il calcolo inviato non risulterà corretto, ed il contribuente è tenuto a modificarlo utilizzando il Portale del Cittadino o provvedendo autonomamente al calcolo.

Poiché l’Ente non è in possesso di informazioni relative alle locazioni/comodati/concessioni in uso, si richiede inoltre la collaborazione dei contribuenti per la bonifica della banca dati TASI inviando unitamente alle lettere menzionate, dei questionari, mediante i quali, comunicare i dati degli eventuali utilizzatori dell’immobile concesso in uso. Considerando il fatto che questi dati sono necessari per l’invio dei modelli di pagamento di TASI ed IMU e che si ritiene che questo servizio sia importante per sgravare i cittadini dalle incombenze relative ai tributi comunali, si invita la cittadinanza stessa, nonché Caaf, studi professionali, ecc., alla collaborazione con l’ufficio Tributi del Comune. L’ufficio può essere contattato telefonicamente (0481/637121 e 637161), a mezzo e-mail: tributi@com-cormons.regione.fvg.it, o di persona negli orari di sportello. Tutte le informazioni relative ai tributi comunali sono comunque sempre reperibili sul sito del comune www.comune.cormons.it (in questi giorni il Sito è in fase di aggiornamento pertanto ci potrebbero essere dei momentanei malfunzionamenti).

L’Amministrazione Comunale, sia per quanto riguarda l’IMU che la TASI, non ha deliberato nuove aliquote (ad eccezione dell’introduzione dell’aliquota IMU per i terreni agricoli, 7,6%). L’acconto dell’imposta dovrà essere versato entro il 16 giugno 2015, il saldo entro il 16 dicembre 2015.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!