Il Vino della Pace al Papa

27 Febbraio 2015

Cantina_CormonsSabato 28 febbraio,alle 11, nell’Aula Paolo VI, papa Francesco riceverà in udienza speciale riservata i cooperatori italiani di Confcooperative. Tra i circa 7 mila presenti ci sarà pure – come già annunciato – un gruppo friulano composto da un centinaio di persone. Alla conclusione dell’incontro, il presidente nazionale di Confcooperative, Maurizio Gardini, consegnerà al Papa una bottiglia del Vino della Pace proveniente dalla Cantina Produttori Cormòns, nella doc Collio. La cooperativa, fondata nel 1968, conta ora 150 soci con oltre 430 ettari di vigneti e una produzione annuale di 2,25 milioni di bottiglie.

La prima vendemmia del Vino della Pace è datata 1985. L’uva proviene dalla Vigna del Mondo, l’appezzamento di terra dove, a partire dal 1983, sono stati messi a dimora oltre 600 vitigni diversi, provenienti da tutti i continenti. Dalle uve di quella Vigna si produce il Vino della Pace (bianco) che, ogni anno, dopo essere stato abbellito con le etichette realizzate dai migliori artisti italiani e stranieri, viene inviato a tutti i capi di stato (civili e religiosi), con un forte richiamo al biblico Noè, ma soprattutto come messaggio alla necessità di unione, fratellanza e convivialità tra i popoli della Terra.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!