Il punto sullo stato sociale

12 Ottobre 2014

CODROIPO. Siamo al giro di boa: a un anno e mezzo dalla sottoscrizione dell’accordo programmatico per l’approvazione dei Piani di Zona dell’Ambito distrettuale 4.4 di Codroipo – Triennio 2013-2015, si è ritenuto opportuno un incontro tra le parti coinvolte per fare il punto della situazione, considerare i risultati conseguiti e analizzare eventuali nuove esigenze emerse durante lo svolgimento dei servizi. Lunedì 13 ottobre, a Villa Bellavitis di Lestizza (via Fabris 4), si terrà un incontro pubblico alle 18 con il sindaco Geremia Gomboso, il presidente dell’assemblea dei sindaci Fabio Marchetti, l’azienda dei servizi sanitari 4 – Medio Friuli e del distretto sanitario di Codroipo, il centro per l’impiego, le foranie dell’ambito, gli operatori del servizio sociale dei comuni e le associazioni attive nella co-progettazione.

L’assemblea dei sindaci ha già espresso soddisfazione per quando si sta facendo a favore delle persone meno fortunate, rappresentando nel contempo anche l’incremento delle esigenze, delle criticità, che nel nuovo contesto sociale è soggetto a un involuzione della situazione economico sociale, unitamente alle nuove casistiche generate dalla crisi, dall’immigrazione e dagli imprevisti della vita. Minori e famiglie, anziani, disabili, dipendenze salute mentale, povertà e disagio sociale, immigrazione, sono a grandi linee le suddivisioni dei servizi sociali sul territorio. Si vuole coordinare e regolamentare una logica di rete fra soggetti pubblici e privati, in attuazione del principio di sussidiarietà orizzontale, secondo cui si vogliono valorizzate le risorse presenti su un territorio, dagli enti e servizi locali, alle associazioni di volontari, sino al singolo cittadino, in una logica di collaborazione e di concretizzazione dei principi di responsabilità e libertà, per conseguire importanti risultati di solidarietà.

I Piani di zona per la salute e il benessere sociale dell’ambito del Medio Friuli è il documento che a partire dall’analisi del profilo delle singole comunità, comprensivo dei bisogni del territorio e della rilevazione delle risorse presenti, declina gli indirizzi regionali e della locale Assemblea dei Sindaci, in azioni concretamente sostenibili. Non autocelebrazione, ma chiarimenti sulle problematiche da affrontate, facendo emergere delle proposte da parte di tutte le parti interessate, per potenziare i servizi offerti, considerando anche la situazione di ristrettezze economiche, che stimolano la ricerca di soluzioni applicabili.

I sindaci degli undici comuni interessati e l’Asp. Moro hanno voluto organizzare questo incontro a Lestizza, principalmente per incontrare tutte le persone interessate ai servizi sociali, sia attivamente, sia in quanto cittadini del Medio Friuli, per presentare l’attuale stato dell’arte e principalmente per raccogliere le proposte, le richieste e le critiche per costruire insieme risposte sempre più soddisfacenti.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!