Il percorso nazionale softball per Tokyo parte da Ronchi

21 Marzo 2021

RONCHI DEI LEGIONARI. “L’eccellenza dello sport italiano passa da Ronchi dei Legionari, grazie soprattutto all’attenzione delle istituzioni locali e dei dirigenti sportivi che coltivano il vivaio giovanile con grande passione e spirito di sacrificio”. Lo dichiara il presidente della Commissione Sport della Regione Fvg, Diego Bernardis (Lega), in seguito alla visita allo stadio Giordano Gregoret di Ronchi, dove la nazionale azzurra di softball si allenerà fino al prossimo 27 marzo in vista delle Olimpiadi di Tokyo.

“L’invito rivoltomi dall’assessore comunale allo Sport, Erik Battistella, – continua Bernardis – è stato propizio per incontrare il presidente dell’Asd Stars Ronchi S.C., Bruno Gasparotto, e ribadire che l’attenzione della Regione verso queste realtà di eccellenza è massima. Non dimentichiamo – continua la nota del Carroccio – che ben due atlete della nazionale italiana di softball, Veronica Comar e Marta Gasparotto, sono cresciute sportivamente nel vivaio ronchese e saranno portacolori del Friuli Venezia Giulia alle Olimpiadi di Tokyo. Il softball – prosegue Bernardis – è considerato un sport minore, di certo non per la qualità e la preparazione delle atlete, che è massima e di altissima eccellenza, bensì perché l’attenzione mediatica che viene rivolta a questa disciplina sportiva è assai inferiore rispetto a quella di cui godono altri sport più blasonati.

L’impegno – sottolinea l’esponente regionale della Lega – in accordo anche con l’assessore della Regione allo Sport, Tiziana Gibelli, è di fare tutto quanto è nelle nostre possibilità e competenze per valorizzare queste realtà sportive, vere e proprie fucine di talenti. Un augurio alla nazionale italiana di softball perché raggiunga traguardi e soddisfazioni importanti, ovviamente un plauso e un ringraziamento alla realtà sportiva ronchese per aver contribuito a rendere il nostro territorio protagonista nell’entusiasmante percorso che porterà le atlete azzurre ai Giochi di Tokio”.

Condividi questo articolo!