Il Friuli Doc degli artigiani

10 Settembre 2014

UDINE. “C’è anche un Friuli Doc che non è da bere né da mangiare, ma che rappresenta al meglio il saper fare e il gusto friulano. E’ il Friuli Doc degli Itinerari Artigiani, fatto da aziende, associate a Confartigianato Udine, che vogliono, anche con visite guidate, far vedere e toccare con mano come nascono gli oggetti e l’autentica qualità delle produzioni, che è una delle vere novità di questa edizione”. Lo affermano il presidente di Confartigianato Udine Graziano Tilatti e il direttore Gian Luca Gortani evidenziando come gli artigiani anche quest’anno, nonostante la crisi, abbiano aderito convintamente e per la ventesima volta alla manifestazione, assicurando ancora una volta una presenza qualificata e insostituibile.

Le botteghe artigiane – 22 per la precisione – non saranno presenti più in via Mercato Vecchio ma nella prestigiosa piazza San Giacomo e in via Vittorio Veneto. Il catalogo degli espositori sarà disponibile durante Friuli Doc nei punti informativi nonché online sul sito web confartigianatoudine.com.

Friuli Doc è anche occasione di confronti culturali e di momenti di dibattito e approfondimento. Due sono gli incontri organizzati da Confartigianato Udine nella sede della Società Filologica Friulana in via Manin 18 e promossi dal progetto Eures-T-Euradria incentrato sulla mobilità transfrontaliera del lavoro tra Italia e Slovenia: venerdì 12 settembre alle 17.30 saranno Stefano Micelli – docente all’Università Ca’ Foscari di Venezia e autore di “Futuro Artigiano” – e Michele Vianello – scrittore ed esperto in “smart cities”, agenda digitale e social networking – ad approfondire il tema “Tipicamente online: come promuovere e vendere online i prodotti tipici di qualità”. Sabato 13 settembre, sempre alle 17.30, Confartigianato Udine dà la parola ad alcuni studenti ed ex studenti universitari, introdotti e moderati dalla prof. Maria Rosita Cagnina – docente dell’Università d Udine – per ascoltare dalla loro voce quali sono o sono stati i sogni, le aspettative e le esperienze riguardo al lavoro, sotto il titolo “Lavoro artigiano tra passato, presente e futuro”. Entrambi gli incontri si concluderanno con un brindisi a base di birre artigianali friulane, una produzione ormai entrata a pieno titolo tra le tipicità del nostro territorio.

Il comparto dell’artigianato artistico di Confartigianato Udine propone per la prima volta durante Friuli Doc l’iniziativa “Itinerari artigiani: Si fa presto a dire Mani!”. Dall’11 al 14 settembre 8 botteghe e laboratori artigiani di Udine e dintorni aprono infatti le porte a visite, dimostrazioni di mestiere e illustrazioni del saper fare artigiano. Sarà un’occasione preziosa per scoprire la maestria degli artigiani friulani nell’arte della rilegatura, degli arazzi, dell’oreficeria. Tutte le informazioni in proposito sono disponibili sui siti www.confartigianatoudine.com e www.20km.info.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!