Il Consiglio Fvg varerà misure a sostegno dell’economia

10 Marzo 2020

UDINE. “Data la gravità della situazione, questa amministrazione regionale ha ritenuto di varare delle prime, fondamentali, misure per fronteggiare l’emergenza Covid-19. Domani, ottemperando a tutte le disposizioni delle autorità sanitarie, la massima assise regionale si riunirà al fine di sostenere le attività economiche del Friuli Venezia Giulia”. Questo il commento del Capogruppo leghista, Mauro Bordin, a proposito della convocazione dell’Assemblea legislativa l’11 marzo nell’Auditorium della Regione a Udine con all’ordine del giorno l’esame del ddl 84 Prime misure urgenti per far fronte all’emergenza epidemiologica da Covid-19.

In particolare, Mauro Bordin afferma in un comunicato: “Le scelte nazionali e regionali dei prossimi mesi dovranno garantire la sopravvivenza di tantissime imprese messe a dura prova dall’emergenza che stiamo vivendo. Considerato che l’economia del Friuli Venezia Giulia presenta significativi risvolti legati alle attività turistiche ho proposto all’assessore Callari di valutare con la sua direzione un possibile intervento sugli oneri relativi ai canoni demaniali che molte attività sono chiamate a pagare e che difficilmente saranno in grado di sopportare economicamente in una stagione turistica che si preannuncia molto difficile”.

”Nell’ambito degli interventi conseguenti all’emergenza epidemiologica, la Regione si appresta ad adottare ogni misura utile per fronteggiare i danni causati dall’emergenza Corona Virus. Il disegno di legge stabilirà una serie di misure straordinarie e rese necessarie per essere concretamente al fianco dei nostri concittadini. Ad esempio, verrà introdotta la possibilità di concedere specifici finanziamenti anticrisi per far fronte ai danni dovuti all’emergenza. Inoltre, sarà concessa la sospensione per un anno del pagamento della quota capitale delle rate in scadenza di qualsiasi finanziamento agevolato concesso a valere sui fondi di rotazione amministrati dal Comitato di gestione del Frie. Verranno stanziati 4 milioni di euro per potenziare l’utilizzo delle risorse assegnate ai Confidi; inoltre, anche in deroga a quanto previsto da bandi e dallo specifico regolamento, sarà possibile differire, fino a tutto il 2020, il periodo di svolgimento di eventi e manifestazioni turistiche, ammettendo comunque il riconoscimento delle spese già sostenute anche qualora l’evento non dovesse più essere svolto”.

“Altre misure molto importanti andranno incontro agli operatori culturali e alle associazioni sportive che hanno subito limitazioni derivanti dall’emergenza Covid-19. Inoltre, si propone che lo strumento della cassa integrazione in deroga contempli anche i lavoratori stagionali, già contrattualizzati da molti operatori turistici, e consideri le caratteristiche di queste attività e delle modalità e tempistiche di assunzione”.

“È chiaro che ci troviamo a fronteggiare una situazione atipica ed emergenziale, tuttavia, – sottolinea Bordin – occorre seguire scrupolosamente le misure decise dal Governo nazionale al fine di limitare al minimo le possibilità di contagio e la diffusione del virus. Noi ce la stiamo mettendo tutta e continueremo a farlo; è necessario però che tutti facciano la propria parte per tornare quanto prima all’auspicata situazione di normalità”.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!