Il Conservatorio di Udine in Albania e Cina

7 Giugno 2014

Mail AttachmentUDINE – Nell’ambito di una sempre più fitta rete di rapporti culturali internazionali intessuta dal Conservatorio “Tomadini” di Udine, il mese da poco trascorso ha visto primeggiare due eventi realizzati grazie a una costante attività progettuale mirante a duraturi rapporti di collaborazione con prestigiose e ancora poco note realtà musicali del panorama internazionale.

Vivamente apprezzato da pubblico e critica il concerto che, nell’ambito del XVII Festival “I giorni della musica” dell’Università delle Arti di Tirana (Albania), l’Ensemble di Musica Contemporanea del Conservatorio di Udine ha realizzato collaborando con giovani artisti locali all’insegna della nuova musica, con brani composti da tre allievi udinesi, Roberto Brandolisio, Alessio Domini e Alessio Venier, dai loro docenti prof. Renato Miani e prof. Mario Pagotto, e infine dal compositore albanese Aulon Naçi, ex studente del “Tomadini”.

L’evento musicale ha coronato una lunga collaborazione tra le due istituzioni e con una realtà, quella albanese, in rapidissimo e mutevole sviluppo, in particolare nel campo musicale.

L’Ensemble del Conservatorio di Udine era composto da Fosca Briante (flauto), Maria Francesca Ventura (clarinetto), Alessio Venier (violino), Antonio Merici (violoncello), Alessio Domini (pianoforte), Francesco Tirelli (percussione), per la direzione di Alessandro Piovesana e con la collaborazione del oprano Enkelejda Kamani e della pianista Ardita Bufaj.

Pochi giorni prima il prof. Davide Teodoro, docente di clarinetto al “Tomadini”, era stato invitato dal Conservatorio Centrale Cinese di Pechino a tenere una Masterclass per la locale scuola di clarinetto del prof. Fan Lei; grazie a tale invito Davide Teodoro è stato ospite dell’eminente prof. Xie Jiaxing e del prof. Zhang Zhe, quest’ultimo recentemente perfezionatosi a Udine, presso il Conservatorio Cinese, altra istituzione appartenente alla rosa degli otto conservatori statali di tradizione.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!