ICGEB, scienziati riuniti a Trieste

21 Maggio 2016

foto scienziati consiglio ICGEBTRIESTE – Si è riunito a Trieste tra il 17 e il 18 maggio il Consiglio Scientifico dell’ICGEB, l’organo che indirizza e valuta le attività scientifiche del Centro, ruotando le proprie riunioni annuali nelle sedi di Trieste, New Delhi e Cape Town. Al centro dell’attenzione quest’anno la sede di Trieste, dove risiede anche la Direzione Generale del Centro, guidata da Mauro Giacca.

Compongono il Consiglio Scientifico 14 scienziati della più alta statura internazionale. Tra questi Sir Richard Roberts e Harald zur Hausen, vincitori del premio Nobel per la Medicina, il primo per la scoperta dei geni interrotti dei mammiferi e il secondo per quella del virus del papilloma quale causa del tumore dell’utero. Tra gli altri membri, hanno partecipato alla riunione Roger Beachy, nominato dal presidente Obama per dirigere uno dei principali centri per le biotecnologie delle piante negli Stati Uniti, Jorge Kalil, direttore dell’Istituto Butantan a San Paolo, in Brasile, il primo produttore di sieri antiveleno dell’America Latina, e Mariano Garcia-Blanco, esperto di Zika a Galveston in Texas e Singapore.

Il Consiglio Scientifico ha terminato i propri lavori esprimendo grande apprezzamento per le attività condotte dall’ICGEB a Trieste. Compiendo un’accurata analisi dei risultati dei 18 gruppi di ricerca, ha sottolineato da un lato gli importanti risultati conseguiti e dall’altro la loro potenzialità in termini applicativi. Lo screening di nuovi farmaci biologici per le malattie cardiovascolari, lo sviluppo di un vaccino contro la febbre dengue e l’identificazione dei batteri che causano le malattie delle piante sono tutte ricerche che possono portare alla creazione di nuove aziende biotecnologie in grado di sfruttare in senso imprenditoriale i risultati ottenuti.

Il Consiglio Scientifico ha trasmesso le proprie conclusioni ai rappresentanti dei 64 Paesi che sostengono l’ICGEB, che si riuniranno la prossima settimana a Cape Town in Sudafrica in riunione plenaria. Apriranno il meeting il Ministro della Scienza e Tecnologia del Governo sudafricano, Naledi Pandor, e il viceministro per l’Istruzione e la Scienza della Federazione Russa, Lydmila Ogorodova. L’Italia sarà rappresentata dal Ministero degli Affari Esteri, che sostiene economicamente l’ICGEB sin dalla sua fondazione nel 1983.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!