Guglielmina Cucci sul femminicidio di Roveredo

26 Novembre 2020

PORDENONE. A proposito delle triste notizia dell’ennesimo femminicidio a Roveredo in Piano, ci è giunta una breve dichiarazione dell’asssessora Guglielmina Cucci.

“E’ stato davvero un brutto risveglio quello di oggi, con la notizia dell’uccisione da parte di un uomo della propria compagna, proprio a ridosso del 25 novembre. Questo ci ricorda che nella nostra società circola ancora con vigore il virus della violenza maschile sulle donne, ed è contagioso. Ogni uccisione manda un segnale agli altri uomini che questo è un modo possibile di agire. Non ci interessa se poi si costituiscono, non ci interessa il movente. Si tratta di un delitto generato dalla volontà dell’assassino di uccidere, per il quale non esiste giustificazione, né circostanza alcuna. Oggi una giovane donna non c’è più e due bambini sono orfani”.

Condividi questo articolo!