Grosse soddisfazioni per l’equitazione Fise Fvg

24 Luglio 2021

Carla Cimolai (Foto Umberto Martuscelli)

PALMANOVA. Gli sport equestri stanno offrendo grandi soddisfazioni al Friuli Venezia Giulia. Nei soli primi due week-end di luglio tanti i successi per gli atleti in gara e anche per le competizioni ospitate in regione. Partendo proprio da queste ultime, ottimo riscontro per il Concorso Completo di Taipana, realizzato sotto l’efficace regia della famiglia Berra, formidabile comitato organizzatore di Campo di Bonis che ha mandato in scena dal 9 all’11 luglio gli internazionali Cci1*-Intro, Cci2*-S e Cci3*-S.

«I completi di Campo di Bonis sono sempre apprezzati – ha commentato Antonella Tosti, presente in veste di giudice internazionale – e possono contare su una platea di estimatori sinceri. Sarà l’ottima cucina della signora Alba, sarà lo spirito degli organizzatori, la location… Di fatto è un concorso che piace e i circa 100 partenti di questa occasione lo hanno dimostrato. È stato un bel modo per onorare la scomparsa di Aniceto Miani, grande uomo di cavalli e vera e propria istituzione a Campo di Bonis».

Ecco, in sintesi, come sono andati gli atleti del Friuli Venezia Giulia. Nel Cci1*-Intro vittoria per Emi Sut, in sella a Vista epresa (Istruttore Luigi Favaro), con 33,80. Marzia Lovini, con Pix, si è attestata in seconda posizione con 57,90 nel Cci2*-S. Per i risultati completi, è possibile consultare il link

https://docs.equiresults.com/competition/0001/12/72758294cb4f5d04f2e4387fd3a8f8c756218a8a.pdf

Nello stesso fine settimana in cui il completo dava bella mostra di sé in regione, un’amazzone del Fvg si aggiudicava al Milano Jumping Cup – Ippodromo Snai di San Siro il primo trofeo intitolato a Graziano Mancinelli in occasione dell’esordiente Csi3* nel cuore del capoluogo lombardo. Unico doppio netto in Gran Premio, il binomio composto da Carla Cimolai e Berlino Z ha acceso un riflettore davvero importante sulla qualità dell’equitazione in regione. Seria, determinata, concentratissima, la Cimolai ha pennellato una performance davvero perfetta, lasciandosi alle spalle cavalieri del calibro di Moyersoen, Marziani e Paini. «Tutto ha funzionato alla perfezione. Sembrava che Berlino volesse farmi un regalo» ha commentato la brava atleta in una intervista in cui descrive il proprio impegno quotidiano e la propria passione per i cavalli.

Di successo in successo, dopo completo e salto non poteva mancare il dressage. Con la bellissima affermazione della quattordicenne Maria Zappalà che nel rettangolo dell’Horses Riviera di San Giovanni in Marignano ha conquistato il Criterium Emergenti Open d’Italia Pony dressage. In sella a Maverick S e con il supporto dell’istruttore Luigi Favaro, Maria ha totalizzato, nelle due prove valevoli per il titolo, 138,61%. Una vittoria fresca, giovane, che guarda lontano e che ‘tira la volata’ agli altri ottimi piazzamenti dei ponisti del Friuli Venezia Giulia, tanto in dressage quanto in salto ostacoli.

Massimo Giacomazzo, presidente del Comitato regionale Fise Fvg ha così commentato le ottime performance: «Questi risultati e l’impegno che ciascuno impiega per portare lustro alla nostra equitazione regionale è motivo di grande orgoglio. Per il Friuli Venezia Giulia e per tutta la gente di cavalli che, anche in momenti così difficili, ha conservato lo sguardo dritto verso l’eccellenza del nostro sport. Il mio è un applauso sentito. Da uomo di sport e da presidente. Avanti così!».

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!