Grande Guerra: un consorzio

13 Agosto 2013

In vista del Centenario della Grande Guerra, è stato compiuto un importante passo avanti nell’unione di diverse realtà regionali per una più efficace operatività. L’8 agosto infatti si è costituita la “Grande Guerra FVG – società cooperativa consortile”, inedita aggregazione formata dal consorzio di varie realtà regionali che da molti anni si occupano, nei settori culturale, turistico-culturale, editoriale, museale, progettuale, ecc, del tema Prima Guerra Mondiale. I soci fondatori, provenienti dai territori di tutte le province friulane e giuliane, sono: il Museo della Grande Guerra di Ragogna, i Sentieri di Pace della Pro Loco Fogliano – Redipuglia, l’Associazione Culturale F. Zenobi, l’Associazione culturale Clio, Gaspari Editore, Aviani&Aviani Editore, Saisera Edizioni – Associazione Amici di Valbruna, l’Agenzia Italiana per il Patrimonio Culturale, la Lega Nazionale e Idea45 Società Cooperativa Sociale. Sono imminenti ulteriori adesioni da parte di altre importanti realtà che hanno espresso interesse al progetto, mentre si sottolinea con piacere che la Banca di Credito Cooperativo di Turriaco ha coperto le spese di costituzione, dimostrando sin dall’inizio fiducia nel successo di Grande Guerra FVG.

Il Presidente designato della Società è il giovane Dr. Marco Pascoli, autore di diverse pubblicazioni, esperto regionale sui siti della Grande Guerra e fondatore del Museo di Ragogna, che sarà affiancato dai Consiglieri di Amministrazione Franco Visentin (Pro Loco Fogliano-Redipuglia), Roberto Todero (Associazione Zenobi), Giorgia Sbrizzi (Idea 45 Soc. Coop. Soc.), Giuliana Variola (Associazione Clio), Ugo Falcone (Agenzia italiana per il Patrimonio Culturale), Giovanni Aviani Fulvio (Aviani&Aviani Editori): un team di persone che da decenni operano nell’ambito Prima Guerra Mondiale, tra cui si riconoscono editori, esperti regionali Grande Guerra, autori di apprezzate pubblicazioni, gestori di servizi-turistico culturali, ricercatori operativi anche in ambito universitario.

Un graffito dei “Cavalleggeri Guide” in una trincea carsica

La nuova Società – che adotterà l’insegna “Sentieri di Pace” ed avrà il proprio centro operativo di riferimento nella Regia Stazione di Redipuglia (GO), la sede legale a Udine presso la Confederazione cooperative italiane a cui aderisce sin dal primo momento e determinanti legami con Trieste e Pordenone – si propone di operare su tutto il territorio regionale allo scopo di coordinare e potenziare le iniziative previste in occasione del prossimo Centenario della Grande Guerra 2014 -2018.

Le azioni e le iniziative previste, che si esprimeranno a 360 gradi, intendono valorizzare le potenzialità e le risorse dei singoli associati unitamente a quanto sul territorio regionale esiste in fatto di siti, musei, memorie, letteratura, esperienze, conoscenze, relazioni e contatti internazionali, riguardanti il tema storico di riferimento. Conservazione dei siti, mantenimento e recupero delle memorie, ricerche storiche, percorsi formativi e tematici, gestione di punti informativi, strutturazione di visite guidate con l’ausilio degli “esperti siti Grande Guerra” (recentemente riconosciuti dalle leggi regionali) e la creazione di specifici pacchetti/prodotto da offrire a turisti ed appassionati con cui caratterizzare l’offerta turistica e culturale della nostra regione: questo sarà l’ambito principale d’intervento della nuova società, che intende porsi come punto di rifermento per i soggetti, dai singoli turisti agli enti pubblici ed alle scuole, che richiederanno conoscenze e servizi qualificati relativi alla storia, ai luoghi e ai percorsi della Grande Guerra in Friuli Venezia Giulia.

Il tutto in un’ottica integrata: il patrimonio della Grande Guerra è inserito in un territorio ricchissimo di potenzialità culturali, enogastronomiche, paesaggistiche. Pertanto, i partner con cui la nuova società intende ampiamente collaborare saranno tutte le realtà interessate che già producono iniziative e servizi di valorizzazione turistica e culturale dei territori della nostra Regione, in modo da predisporre e proporre anche prodotti integrati e sevizi permanenti, a cui è più facile dar visibilità anche nei mercati più lontani.

“Grande Guerra FVG” individua dunque come propri riferimenti istituzionali la Regione, le Province e i singoli Comuni se impegnati sul tema della Grande Guerra ed è aperta a sinergie con ogni soggetto privato o pubblico. Inoltre, la nuova Società si prefigge l’obiettivo di consolidare i rapporti con realtà extraregionali e internazionali già in essere e perfezionare altri contatti, per sollecitare confronti e condividere un evento storico che in passato aveva creato tante tragiche contrapposizioni. I nostri interlocutori privilegiati saranno soprattutto i giovani, ma la società sarà aperta a tutti i soggetti che vorranno portare un contributo fattivo per la rilettura della storia della Grande Guerra e la creazione di uno stabile circuito turistico culturale.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!