Fridays for Future contro i voli panoramici a Ravascletto

10 Febbraio 2022

RAVASCLETTO. L’Ufficio federale dell’aviazione civile (Ufac) della Confederazione svizzera, sul sitowww.bazl.admin.ch/, mette a disposizione il proprio metodo elaborato per determinare le emissioni di sostanze nocive causate dai diversi tipi di elicottero, con le rispettive quantità. Tale servizio è oltremodo significativo, in quanto i «dati relativi alle emissioni dei diversi motori utilizzati sugli elicotteri – denuncia Ufac – non sono a tutt’oggi pubblicamente accessibili».

Evidentemente, però, queste non sono preoccupazioni che sfiorano – si legge in una nota di Fridays For Future Carnia – l’Amministrazione comunale di Ravascletto, l’Ufficio turistico Iat del centro carnico, né tanto meno la società “Helica” di Amaro (https://www.helica.it), visto che, sabato 12 febbraio, organizzeranno una giornata di “Voli panoramici”, con partenza da via Valcalda 21, nei pressi dello Sportur Hotel. L’iniziativa era inizialmente prevista il 5 febbraio. La tariffa, confermata, assomma a 55 euro a volo, «solo in contanti», per persona (con un minimo di 4 persone iscritte a ogni singola “escursione”).

Una “bella sommetta”, ma che naturalmente – continua il comunicato – non comprende il prezzo ben più salato dei danni causati all’ambiente (compresi inquinamento acustico e disturbo alla fauna selvatica) e che ignora completamente gli effetti sul peggioramento della già drammatica “Crisi climatica”, confermando i clamorosi ritardi del Turismo invernale nostrano rispetto ai temi della Sostenibilità ambientale e della Transizione ecologica.

Per tutte queste ragioni, “Fridays for Future Carnia” – si conclude – invita valligiani e turisti a disertare convintamente una forma di divertimento tanto inutile quanto devastante, oltre che pericolosa. Auspica, inoltre, che il Comune di Ravascletto ripensi alle proprie scelte e prenda sul serio gli impegni vincolanti dell’Agenda 2030 dello sviluppo sostenibile, degli Accordi di Parigi e di Glasgow e delle Strategie europee e italiane sulla riduzione delle emissioni dei gas a effetto serra, possibilmente unendosi alla schiera delle Amministrazioni comunali che già hanno approvato una “Dichiarazione di emergenza climatica”, intraprendendo azioni coerenti e urgenti.

https://www.facebook.com/FridaysForFutureCarnia

 

Condividi questo articolo!