Enotour tra i sapori friulani

15 Settembre 2013

LIGNANO. E’ una bella giornata di fine agosto quella che vede un consistente gruppo di enoturisti percorrere con il pulmann tutta la pianura friulana partendo da Lignano alla ricerca di emozioni enogastronomiche. Il programma risulta “succoso” in quanto prevede la visita ad un’azienda vitivinicola famosa non solo per i suoi vini, ma anche per le espressioni culinarie dei fondatori Lidia e Joe Bastianich, e si concluderà con una degustazione di vini e salumi biologici all’azienda Borgo dei Sapori a Spessa di Cividale. In ogni sua edizione Enotour ha proposto il confronto tra una realtà vitivinicola di ampio respiro ed un’altra di carattere familiare. L’idea fondante è quella di soddisfare una richiesta crescente da parte dei villeggianti della riviera lignanese, di esperienze enoculturali e gastronomiche fruite nel vicino entroterra friulano a contatto diretto con i produttori ed il loro territorio.

All’arrivo a Gagliano di Cividale, il gruppo viene accolto dal direttore aziendale di Bastianich, Claudio Rizzi, oltreché dall’abbraccio delle colline vitate che circondano l’azienda. Una breve visita alla moderna cantina di trasformazione ed imbottigliamento trova il giusto appagamento sensoriale nella successiva degustazione dei vini. La potenza espressiva unita all’eleganza del Friulano 2012 della linea Vigne Orsone ha colpito tutti i presenti, stimolati anche dalla descrizione sensoriale dell’esperto accompagnatore Giovanni Munisso. L’armonica fusione espressiva del Vespa Bianco e l’opulenza gustativa del Calabrone, unitamente alla piacevole atmosfera creatasi, hanno lasciato il segno nel ricordo dei partecipanti. Una breve passeggiata ha permesso di curiosare tra le stanze ed i menù del nuovissimo ristorante “Orsone”, situato di fronte alla cantina, contornato dalle viti e da un “orto-giardino” ricco di profumi. Mai come in questa occasione i propositi di tornare a degustare cibo e vino sono stati l’eco del commiato degli enoturisti.

Nella vicina azienda di Borgo dei Sapori a Spessa di Cividale la visita alla cantina e al laboratorio di lavorazione delle carni ha permesso di scoprire le particolarità di una conduzione biologica in vigna, in cantina e nella produzione dei salumi. L’accogliente sala dell’agriturismo, che si affaccia sulle colline, è stata una rilassante cornice alla ricca serie di abbinamenti tra vini ed affettati. Le percezioni gustative dei presenti sono state condivise, grazie alla regia dell’accompagnatore, e, seguendo lo spirito di ricerca ed apprendimento tipico di Enotour, le sintesi hanno prodotto un’armoniosa sinfonia di consensi definendo numerose preferenze personali e collettive oggetto di acquisti soddisfacenti. Gli enoturisti ben sanno che la magia di questi incontri sensoriali e relazionali si riprodurrà ogni qualvolta, durante i mesi freddi, la riproposizione del vino o del cibo aprirà lo scrigno della memoria così piacevolmente definita.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!