Due ‘argenti’ europei per il Merlot 2017 di Valle Vini

30 Aprile 2021

BUTTRIO. Meritatissime Medaglie d’Argento per il Merlot 2017 di Valle Vini, uno dei rossi più rappresentativi dell’azienda vitivinicola di Buttrio. Presentato in due eventi internazionali questo rosso dal color rubino, intenso e fruttato, si è guadagnato il plauso degli addetti ai lavori. Nel Concours International de Lyon 2021, giunto alla sua dodicesima edizione, sono stati degustati ed esaminati 7.237 campioni di vino provenienti da 43 Paesi diversi. La giuria ha valutato attentamente il Merlot 2017 Valle Vini conferendogli la medaglia d’argento con un punteggio di 83 su 100. Questo rosso ha conquistato la platea di esperti per le sue qualità, riconoscendo il grande lavoro e la cura con cui è stato prodotto.

Stesso prestigioso risultato al Berliner Wine Trophy 2021, uno dei concorsi vinicoli internazionali più importanti e più grandi del mondo con il patrocinio dell’Oiv, Organizzazione Internazionale della Vigna e del Vino, e dell’Uioe, Unione Internazionale degli Enologi. Il Merlot 2017 della azienda friulana si è dovuto misurare con oltre 13.600 referenze che sono state degustate alla cieca da una giuria indipendente di esperti composta da enologi, sommelier, “Masters of Wine”, commercianti specializzati, produttori di vino, giornalisti, etc. Solo i vini migliori vengono premiati con una medaglia e le statistiche indicano una quota di circa il 30% sul totale dei partecipanti.

“Ogni premio vinto ci riempie di orgoglio – dichiara Paolo Valle – e queste medaglie d’argento per il nostro Merlot rappresentano davvero un riconoscimento del nostro lavoro, la conferma e un’ulteriore garanzia di qualità dei nostri vini. Perché quando in cantina i lavori vengono eseguiti con scrupolo e passione, quando ogni bottiglia conserva gusto e la storia del nostro terroir, ogni riconoscimento è un successo da condividere. Sia con tutti quelli che fanno parte dell’azienda, ma anche con tutti quelli che ci scelgono. Una grande vittoria anche per il territorio che abbiamo l’onore di rappresentare all’estero”.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!