Dopo 25 anni regolarizzano la relazione

22 Settembre 2014

criaspCODROIPO – La Croce Rossa coopera con l’Azienda di Servizi alla Persona Daniele Moro sin dal 1989. In realtà non era mai stato sottoscritto un documento d’accordo tra le parti, sebbene la concreta, proficua e importante collaborazione abbia sempre dato grande soddisfazione.

Nuove povertà, flussi migratori, conflitti asimmetrici, rispetto del diritto internazionale umanitario e protezioni per i volontari e gli operatori della Croce Rossa, ma non bastano poche righe per raccontare le sfide, le risposte, le situazioni complesse in cui la CRI è attore principale, in prima fila per l’assistenza ai vulnerabili, agli invisibili, agli ultimi della nostra società.

Dal punto di vista provinciale, la Croce Rossa di Udine è nel pieno di un processo storico di riforma che è anche e soprattutto un cambiamento culturale e di mentalità per poter rispondere sempre più concretamente e attivamente, alle nuove sfide umanitarie del terzo millennio. Esigenze nuove rappresentate dall’espansione alle nostre zone di emergenze legate all’immigrazione, i disastri naturali, si sommano alle routine consolidate rappresentate dalle esigenze di soccorso e trasferimento di anziani e malati.

Con diverse modalità, azioni e strutture, limitatamente al territorio del Medio Friuli, anche l’Asp Moro dedica le azioni e le strutture disponibili alle persone più bisognose. Da venticinque anni quindi era inevitabile che le due organizzazioni s’incontrassero di frequente, collaborando a favore dei più bisognosi. Così, su iniziativa del Presidente Asp Moro, finalmente è stato sottoscritto un accordo d’intenti per riconoscere onori e oneri nei confronti della delegazione provinciale di Udine, con la sezione locale di Codroipo della Croce Rossa.

Venerdì 19 settembre 2014, nel primo pomeriggio, nella sala dell’Asp Moro a Codroipo, sono stati invitati il presidente della Croce Rossa provinciale di Udine Sergio Meinero, il funzionario del comitato provinciale Fabio Di Lenardo, i coordinatori volontari della delegazione dell’area di Codroipo Nives Ceppellotti ed Ernesto Di Fresco, con alcuni volontari e la direttrice generale dell’Asp Valentina Battiston, la dirigente dei servizi Federica Gregoris e il presidente dell’Asp Daniele Moro Thierry Snaidero.

Qualcuno ha parlato di matrimonio, dopo tanti anni di relazione, tra l’Asp Moro e la Croce Rossa che sicuramente continuerà a funzionare con i trasporti degli infermi, trasferimenti dalle strutture residenziali dell’Asp Moro, come per le visite specialistiche negli ospedali.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!