Doc Friuli a Villa Manin

14 Giugno 2018

CODROIPO. La Doc “Friuli” o “Friuli Venezia Giulia”, nata nel 2016, si presenta per la prima volta al pubblico regionale. E lo fa attraverso l’evento “Doc Friuli & friends”, organizzato dal Consorzio delle Doc – Fvg, che si terrà il 15 giugno (ore 18-22) a Villa Manin di Passariano.

La manifestazione vuole contribuire ad accrescere la conoscenza, rafforzare l’immagine e promuovere la migliore produzione di vini bianchi a Doc “Friuli” e degli “amici”, ovvero le cosiddette Doc storiche (Annia, Aquileia, Carso, Colli Orientali e Ramandolo, Collio, Grave, Isonzo, Latisana), con particolare attenzione verso le varietà: Friulano, Malvasia, Pinot grigio, Ribolla gialla, Sauvignon, Traminer, Verduzzo friulano e Ramandolo. Grazie all’evento “Doc Friuli & friends” e al lavoro preparatorio di due Commissioni di selezione, la prima composta da esperti regionali e la seconda da esperti di fama nazionale e internazionale (italiani, norvegesi, svedesi e danesi), si è giunti a individuare 40 vini bianchi, sugli oltre 300 presentati dalle aziende vitivinicole regionali, che rappresentano l’eccellenza enologica dei bianchi del Friuli VG.

A Villa Manin, dunque, la presentazione della Doc “Friuli” avrà per obiettivo quello di proporre un brand forte e altamente riconoscibile, in grado di combinare grandi numeri e qualità, caratteristiche che le permettono di acquisire una maggiore competitività soprattutto sui mercati internazionali. Un marchio di garanzia targato Friuli Venezia Giulia che si presenta come un sistema ben definito capace di fornire agli addetti ai lavori e ai consumatori un quadro d’insieme dal forte impatto, sotto tutti i punti di vista, frutto di una produzione articolata e complessa, nel rispetto delle varie Denominazioni “amiche” che, in particolare con i loro vini bianchi, restano fiori all’occhiello ed espressioni autentiche e peculiari delle diverse aree regionali.

Durante l’intero pomeriggio, spazio anche alla musica, con il live “Dj set Gianfranco Amodio”, e alla cultura con la possibilità di visitare l’esposizione delle illustrazioni satiriche di “Spirito di vino”.

Condividi questo articolo!