Dibattito a Tavagnacco sul perché del no al referendum

6 Novembre 2016

TAVAGNACCO. “Perdere democrazia e autonomia? Stavolta NO!” è il titolo dell’incontro organizzato al Centro civico di Tavagnacco, lunedì 7 novembre, alle 20.30, da SEL – Sinistra Italiana FVG. Interverranno Serena Pellegrino, parlamentare del FVG di Sinistra Italiana, Sergio Cecotti del Comitato Sono Speciale Voto NO, Gianpaolo Carbonetto del Comitato Friuli Vota NO. La perdita del potere elettivo dei cittadini e l’accentramento del potere a livello dello Stato sono tra gli indicatori più evidenti della pericolosità della riforma costituzionale. Ma le ragioni per votare No al referendum sono molte altre.

“Questa riforma – ha dichiarato Serena Pellegrino – di fatto è un condono costituzionale, che renderà strutturale il meccanismo con cui le compagini governative, da 20 anni a questa parte, hanno via via ribaltato il sistema, stabilito dalla Costituzione, dei rapporti tra le massime istituzioni, trasformando il proprio ruolo da esecutivo a legislativo. Fenomeno che i parlamentari oggi contrastano in ogni modo possibile, per riaffermare la sovranità popolare e produrre leggi che rappresentano i cittadini e loro istanze, non le esigenze delle varie committenze dei governi. La riforma costituzionale rende legittima questa involuzione, nefasta per la democrazia. Vogliamo un Parlamento marionetta che fa da ratificatore? Io voto NO.”

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!