Danni da fauna selvatica: Comuni sul piede di guerra

2 Settembre 2019

PORDENONE. Sono già 23 su 50 i comuni del Pordenonese che hanno discusso e fatto propria la proposta di delibera inviata da Coldiretti Friuli Venezia Giulia sul problema dei danni da fauna selvatica; considerando che Andreis è commissariato, il 50 per cento delle amministrazioni ha sostenuto l’iniziativa e altre hanno già programmato di inserire questo punto nella prossima seduta di consiglio. Le delibere approvate, oltre che prevedere piani straordinari di abbattimento di alcune specie (cinghiali e corvidi in particolare) che sono ormai fuori controllo e stanno devastando molte coltivazioni, sollecitano la Regione a richiedere l’avvio dell’iter legislativo di una proposta di legge di revisione della L. 157/92 negli articoli relativi alla prevenzione, agli indennizzi e controllo dei danni arrecati dalla fauna selvatica all’agricoltura.

“Ringraziamo i comuni che hanno accolto il nostro invito – dichiara Matteo Zolin, presidente di Coldiretti Pordenone, a commento del risultato parziale raggiunto – e invitiamo gli altri a discuterne nei prossimi consigli perché quello della fauna selvatica è ormai un problema di tutti: dell’agricoltura, certo, ma anche per tutti i cittadini. È un problema – continua il presidente – di sicurezza stradale, sanitario e di equilibrio ambientale. Vogliamo rassicurare la capogruppo del M5S Ilaria Dal Zovo – afferma Zolin – che Coldiretti non vuole danneggiare l’ambiente, ma delle azioni concrete vanno intraprese. Una delle quali è anche l’abbattimento. È inevitabile – continua il presidente – che in un ambiente antropizzato serva l’intervento dell’uomo a controllare anche la fauna. Non possiamo recintare o coprire di dissuasori tutta la campagna pordenonese e regionale, o tutte le strade e i canali”.

I danni causati dalla fauna – spiega Coldiretti – sono ormai estesi su tutti i territori; i canali di bonifica sono bucati dalle nutrie, i pascoli montani e collinari devastati dai cinghiali che non risparmiano mais e altre colture in pianura, corvidi colpiscono le coltivazioni ma anche i nidi o i piccoli di altre specie, caprioli e cervi entrano nei frutteti. Per non parlare degli attacchi agli allevamenti da parte dell’ ultimo arrivato: il lupo. Bisogna inoltre considerare l’effetto non secondario della trasmissione di malattie: la fauna, soprattutto quando le popolazioni sono eccessive, veicola infezioni potenzialmente devastanti per gli allevamenti, quali la peste suina o l’influenza aviaria.

“Ci sono aziende agricole esasperate – prosegue Matteo Zolin – perché non riescono a portare avanti più la loro attività di coltivazione, in molti casi anche per i danni enormi provocati dalla cimice asiatica. Da alcuni mesi Coldiretti mantiene alta l’attenzione su tutta la regione su questi temi: la condivisione delle amministrazioni dà il senso di quanto urgente e sentito sia il problema. Serve – conclude Zolin – una più efficace azione di controllo della fauna, per difendere il lavoro dei campi e nel contempo per tutelare l’ambiente, non per distruggerlo”.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!