Continua (6 q.li di cibo) la spesa sospesa Coldiretti Pn

3 Febbraio 2021

Da sinistra, Vanessa Orlando e Chiara Rigo responsabili regionale e provinciale Campagna Amica e Tatiana Pillot dell’Emporio Caritas

PORDENONE. La prima consegna a dicembre. A gennaio altri pacchi di spesa sospesa del contadino pari a sei quintali di cibo sono giunti al mercato coperto di Campagna Amica di Pordenone, è sono in consegna direttamente alle famiglie bisognose e numerose da parte di Coldiretti in collaborazione con l’Emporio solidale Caritas di Pordenone.

A beneficiarne sono quei nuclei che, proprio a causa della delicata situazione causata anche dal Covid hanno subito un peggioramento della propria condizione economica. L’iniziativa di solidarietà è promossa dagli agricoltori nei mercati di Campagna Amica e negli agriturismi in tutta Italia e ha l’obiettivo di aiutare a combattere le nuove povertà e garantire interventi anche sul piano alimentare a chi si trova in stato difficoltà.

Un contributo determinante al raggiungimento dell’obiettivo è venuto dal management dei Consorzi Agrari d’Italia (Cai) e della Coldiretti che ha deciso di rinunciare a propri compensi straordinari a favore di una operazione di solidarietà importante per gli agricoltori e per i tanti cittadini che in questo momento si trovano in difficoltà anche per mangiare. Una collaborazione che ha permesso di raccogliere a livello nazionale cinque milioni di chili in frutta, verdura, formaggi, salumi, pasta, conserve di pomodoro, farina, vino e olio 100% italiani, di alta qualità e a chilometro zero.

“Si tratta – spiega Coldiretti – della più grande offerta gratuita di cibo mai realizzata dagli agricoltori italiani per aiutare a superare l’emergenza economica e sociale provocata dalla diffusione del Coronavirus e dalle necessarie misure di contenimento. La spesa sospesa continua al mercato coperto di Campagna Amica a Pordenone (via Roma) il mercoledì e sabato mattina, dove chiunque può fare la spesa e lasciare qualche prodotto che sarà consegnato alle famiglie bisognose.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!