Il Consorzio Collio fa il punto: vendemmia ottima, di qualità

28 Ottobre 2017

TRIESTE. Si è svolta, nella sede del Consiglio Regionale – alla presenza dell’Assessore Regionale Cristiano Shaurli, del Vice Presidente Regionale Sergio Bolzonello, del Vice Presidente della Camera di Commercio Gianluca Madriz, del Presidente del Consorzio Collio Robert Princic e del vice Presidente del Consorzio Collio Roberto Felluga – la conferenza stampa nel corso della quale sono stati presentati i risultati dell’evento Enjoy Collio Time dello scorso giugno e della vendemmia 2017, oltre a ricordare il Collio Day previsto per il 23 novembre.

L’evento Enjoy Collio Time, tenutosi lo scorso giugno a Cormons, ha rappresentato l’apice della strategia integrata di comunicazione che il Consorzio Collio sta portando avanti per il posizionamento del proprio brand ed ha avuto risultati estremamente positivi e che fanno comprendere le potenzialità di tale progetto. Oltre alla presenza di più di 20 giornalisti di settore italiani ed internazionali che hanno potuto degustare sul territorio i vini e conoscere da vicino quelli che saranno gli sviluppi, l’evento dedicato al pubblico, nella splendida cornice del teatro tenda di Borgo Castello a Gorizia, ha raggruppato 35 aziende ed ha coinvolto circa 500 persone durante l’arco della giornata. L’evento – che ha sfiorato le 2.000 presenze totali ed ha permesso ai partecipanti di degustare oltre 300 vini – ha inoltre contribuito ad incrementare la notorietà ed il rilievo del brand Collio sia sotto il profilo quantitativo che quello qualitativo: 4.281 like (in continua crescita) sulla pagina Facebook (+64%), 689.000 impression (persone che hanno visitato almeno un post), 13.559 clic totali su circa 2.000.000 di impression (dato aggregato Google Adwords e Facebook Ads), 17.000 visualizzazioni e circa 100 condivisioni del video di chiusura dell’evento.

La vendemmia 2017 in Collio dimostra ancora una volta quanto un territorio così vocato alla coltivazione della vite possa restituire frutti di ottima qualità superando le incertezze legate alla stagione. L’annata 2017 si può definire buona con punte di ottimo soprattutto per i vini ottenuti dalle uve a maturazione precoce, dimostrando che le caratteristiche del Collio rendono questo territorio capace di mostrare la propria vocazione alla vite e in grado di mettere in condizione i produttori di esprimersi con vini di eccellenza. Il Collio è rimasto quasi indenne dalla gelata del 20 e 22 aprile che non ha creato problemi alla maggior parte dei vigneti posizionati in collina e protetti dal particolare microclima del Collio. Tolti gli ultimi giorni di aprile la primavera è stata mite con temperature vicine alla media permettendo l’inizio della fioritura delle varietà precoci verso il 20-22 maggio con un decorso ottimale dettato dalle ottime condizioni meteo.

Robert Princic

L’estate, ed in particolare la prima settimana di agosto si sono registrate temperature medie di anche 3°C superiori alla media storica con un picco massimo di 38,8 °C. A questa ondata di calore si sono susseguiti due eventi piovosi che hanno apportato l’acqua necessaria ed accelerato ancor più il processo di maturazione anticipando la vendemmia. Si stima un calo della produzione del 15% rispetto al 2016. Le uve alla vendemmia, iniziata all’ultima settimana di agosto, si sono presentate perfettamente sane e le temperature associate agli sbalzi termici registrati nel periodo sono stati elementi fondamentali per garantire una qualità ottima ed una interessante componente aromatica delle uve.

Il 23 novembre infine torna per il quarto anno consecutivo l’appuntamento con il Collio Day, l’evento organizzato dal Consorzio di Tutela Vini Collio in collaborazione con le delegazioni AIS (Associazione Italiana Sommelier), che punta a promuovere le eccellenze enologiche e gastronomiche del Collio nel panorama italiano. Da nord a sud, da est a ovest, quest’anno l’evento coinvolgerà ben 15 città italiane: Pordenone, Belluno, Vicenza, Milano, Alba (Cuneo), Savona, Bologna, Siena, Pescara, Porto San Giorgio (Fermo), Napoli, Siracusa, Sassari, Bari e Trento apriranno, infatti, le porte al meglio della produzione del Collio.

Nelle diverse location scelte dalle delegazioni AIS – che ospiteranno in contemporanea l’evento a partire dalle 20.30 circa – sarà proposta in degustazione una selezione di sette tra i vini più rappresentativi del Collio, accomunati dalla particolare bottiglia: 3 varietà autoctone, 2 varietà internazionali, un vino d’annata (per assaggiare la longevità dei Bianchi del Collio) e un Collio Bianco, il vino bandiera del territorio. Le aziende provengono dai 7 Comuni della provincia di Gorizia che rientrano nella denominazione: Cormòns, Dolegna del Collio, Gorizia, San Floriano del Collio, Capriva del Friuli, Mossa e Farra d’Isonzo.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!