Confesercenti Fvg: Sostegno concreto alle imprese

17 Aprile 2020

UDINE. Il direttore della Confesercenti del Friuli Venezia Giulia, Alberto Cicuta, con un video postato sui social, lancia un appello rivolgendosi direttamente al governatore Massimiliano Fedriga. Il video parte con stralci della conferenza stampa del presidente campano De Luca che espone le misure adottate a favore delle imprese nella sua regione e prosegue raffrontandole con quelle prese in Friuli Venezia Giulia. «Il paragone risulta impietoso – sostiene Cicuta –. La Regione Campania ha stanziato oltre 600 milioni di euro a favore dei ceti meno abbienti e delle imprese, contro i circa 40 milioni della nostra Regione». Tra gli esempi di sostegno alle imprese campane il direttore cita l’erogazione di contributi pari a 2 mila euro mensili a favore delle imprese di ogni settore e dei liberi professionisti.

«Con le dovute proporzioni in termini di abitanti e di Pil – prosegue il direttore – la nostra Regione avrebbe dovuto stanziare a favore dei cittadini e delle imprese circa 200 milioni. In Fvg l’unica misura di contribuzione diretta alle imprese è rappresentata da un contributo pari al 20% dei canoni di locazione immobiliare a beneficio di una limitata platea di imprese». Cicuta richiama la specialità del Fvg, regione che si sostiene tra l’altro, attraverso l’Iva versata dalle imprese locali. «Se le imprese non sopravvivono – evidenzia il direttore di Confesercenti – non potrà più stare in piedi la sanità regionale e nemmeno il suo apparato burocratico. Un ‘fardello’ che rappresenta la seconda voce di spesa della Regione, pari a 1,4 miliardi di euro, e segue per entità economica solo la spesa sanitaria regionale».

Cicuta conclude chiedendo a Fedriga di battere un colpo e prendere in mano la situazione assieme agli assessorati competenti e ai dirigenti «per trovare, tra le pieghe di bilancio, le risorse necessarie a sostenere le imprese». Un ultimo accenno, il direttore di Confesercenti Fvg, lo riserva al sistema dei Confidi: «Gli stanziamenti a suo favore è un’inutile partita di giro viste le misure adottate a livello centrale dal Fondo Centrale di Garanzia e dalla Sace».

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!