Conferma per Bellomo alla guida della cantina La Delizia

15 Febbraio 2021

CASARSA. Conferma per Flavio Bellomo alla presidenza dei Viticoltori Friulani La Delizia, cantina cooperativa di Casarsa tra le prime nove in Italia per la produzione di Prosecco, con 24 milioni totali di bottiglie prodotte l’anno tra vini fermi e bollicine. Per Bellomo, che ha ottenuto la fiducia dei 400 soci riuniti in via streaming insieme al resto del consiglio di amministrazione, si tratta del terzo mandato.

Flavio Bellomo

Sostenibilità ambientale, riduzione dei costi, aumento delle performance aziendali e adozione – già avviata – dei principi produttivi industria 4.0, nuovi aspetti economico-finanziari: ecco le linee guida della governance del nuovo mandato, che s’innesta sul programma di lavoro di quello precedente. Tra gli obiettivi quello di rendere l’azienda sempre più elastica e capace di adattarsi alle mutevoli condizioni che il mercato costantemente subisce, a partire da quelle determinate dal Covid-19. Avviato anche un processo di progettazione strutturale come richiesto dal Recovery Fund in arrivo.

“Nonostante la pandemia – ha dichiarato Bellomo – siamo riusciti a chiudere l’anno solare 2020 con segno positivo per le nostre vendite: fondamentale l’averle riversate su altri canali distributivi, in primis quello della grande distribuzione, per compensare la minor domanda da parte del settore Horeca, che ha sofferto invece a causa delle chiusure per motivi sanitari. Un dato molto positivo raggiunto lavorando come squadra insieme al direttore Mirko Bellini e al resto della nostra struttura: ringrazio tutti per il grande impegno dimostrato in questi mesi. Abbiamo salvato la redditività per i nostri soci, l’occupazione per i nostri addetti e agenti e mantenuto la produzione. Bene anche il bilancio (che nelle cooperative agricole va dal luglio al giugno dell’anno successivo, ndr), chiuso in territorio positivo e che, grazie a un aumento delle performance e a una riduzione dei costi, ci permette di essere solidi anche per questo nuovo anno 2021 in cui gli effetti dell’emergenza sanitaria si faranno sentire maggiormente”.

Ora sguardo al futuro, seguendo le parole d’ordine innovazione e ambiente e con l’attenzione rivolta a come saranno utilizzati i soldi europei del Recovery fund per un reale sviluppo. E in più in questo 2021 cadrà un importante anniversario. “Già prima dell’emergenza sanitaria – ha aggiunto Bellomo – avevamo intrapreso la strada dell’innovazione verso industria 4.0 essendo la nostra azienda una delle prime realtà regionali dell’industria agroalimentare, congiuntamente alla tutela della natura nella nostra filiera attraverso le certificazioni ambientali e l’obiettivo della sostenibilità. Valuteremo anche nuovi progetti strutturali che si potrebbero realizzare nel futuro, sempre per rispondere a eventuali sfide che il mercato dovesse porci, in modo da essere pronti a una scelta se e quando dovesse essere tempo di avviarli.

Proseguiremo su questa via, convinti che i soldi in arrivo dall’Europa attraverso il Recovery fund, direttamente e indirettamente, determineranno forti incrementi al comparto e come detto proprio avere progetti già pronti per lo sviluppo farà la differenza sulla strada di accesso ai fondi. Quella offerta dall’Europa è un’occasione che non va assolutamente sprecata. Nel 2021 compiremo 90 anni dalla nostra fondazione, sempre fedeli alle radici impiantate dai nostri soci fondatori, con lo sguardo rivolto al futuro per una crescita costante della nostra cantina sia in campo nazionale che internazionale. Nel 1931 la cantina fu motore di sviluppo per Casarsa della Delizia e continuerà a esserlo, con il grande orgoglio di essere nata da questa comunità e in Friuli”.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!