Cinque orti urbani sono disponibili a Palmanova

13 Novembre 2020

PALMANOVA. Dei ventisei orti urbani realizzati nelle vicinanze dell’ex Caserma Piave, il Comune di Palmanova è pronto a riassegnarne cinque, a uso quadriennale, ritornati in disponibilità a conclusione della concessione. Da lunedì 16 novembre sarà infatti possibile, accedendo al sito del Comune (www.comune.palmanova.ud.it), scaricare la domanda di partecipazione al bando per la loro concessione. Il termine ultimo per la presentazione delle richieste è il 28 novembre. “Il mio orto in città” prevede la consegna dei terreni a partire da febbraio 2021 con attribuzione fino a febbraio 2025. Verrà richiesto un canone annuo simbolico di 30 euro.

“I fatti ci hanno dimostrato come questa iniziativa sia molto apprezzata e gli orti molto richiesti. Queste piccole coltivazioni sono marginalmente utilizzate per il sostentamento, ma sono un ottimo momento di svago nonché di socializzazione. Ritornare ai ritmi della terra, prendersi cura delle piante e della loro crescita, scambiare due chiacchiere col vicino fino alla festa della raccolta che ogni anno organizziamo. Un piccolo terreno diventa fonte di aiuto e supporto sociale per molti”, commenta l’assessore con delega all’ambiente Luca Piani.

Potranno presentare richiesta di assegnazione esclusivamente i cittadini residenti nel Comune di Palmanova, che non hanno la proprietà, il possesso o la disponibilità di altri appezzamenti di terreno coltivabile nel territorio comunale e non sono imprenditori agricoli titolare di partita Iva, oltre a dichiarare di essere in grado di coltivare personalmente l’orto. La graduatoria finale di assegnazione si baserà sull’età e sul numero dei componenti del nucleo familiare. In caso di punteggio pari, varrà la data di presentazione della domanda. E conclude l’assessore: “Sono in fase di realizzazione altri orti urbani, nei pressi del nuovo quartiere residenziale di Santa Giustina. Appena ultimato l’allaccio idrico, predisporremo un altro bando per la loro assegnazione”.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!