Chi sposerà la verza?

17 Gennaio 2013

TAVAGNACCO. Fervono, a Feletto Umberto, i preparativi per la tredicesima Fiera di Sant’Antonio Abate che, quest’anno, ricorre nei giorni di sabato 19 e domenica 20 gennaio 2013. Al lavoro non solo “tecnici” ed “esecutivi” della Pro Loco C.I.L. ma anche un buon numero di collaboratori esterni, attratti sicuramente dall’evento che caratterizzerà la manifestazione. Infatti, nell’ambito delle iniziative di vario genere già in atto come il concorso presepi e relativa rassegna, e la gastronomia a tema secondo un percorso tutto da scoprire, gli organizzatori hanno inserito il matrimonio della…verza. Già, perchè dopo dodici anni di fidanzamento col meglio della cucina tradizionale locale e nazionale, questo sapido prodotto ha deciso di saltare il fatidico fosso e di scegliere il… compagno della sua vita. Il titolo della festa non annuncia niente di più, ma soltanto che La verza si sposa…

C’è curiosità perché la notizia si presta a mille illazioni, dal momento che l’ortaggio si presta a maritarsi con vari prodotti rurali dell’inverno e quindi sorgono logiche le considerazioni sulla sua… serietà e illibatezza. Impenetrabile, per ora, il segreto sull’identità dello sposo prescelto, anche se le indicazioni più ovvie ci portano dalle parti della gastronomia di livello, dal momento che alla cerimonia pare sarà presente una nutrita rappresentanza di cuochi friulani, tra i quali il maestro di cucina e presidente della unione regionale cuochi, Germano Pontoni. Il rito, stando ai cenni riportati su un volantino pubblicitario, dovrebbe essere celebrato nel corso di un meeting su storia e prodotti rurali che si terrà sabato 19 gennaio 2013 (a partire dalle 10) nella nuova sala del consiglio comunale di Feletto. In veste di relatori e forse anche di testimoni, se del caso, la contessa Marisanta de Carvalho di Prampero che parlerà della “verza nell’archivio famigliare di Prampero”; Angela Felice che illustrerà il ruolo dell’ortaggio nel teatro friulano dell’Ottocento; Mario Turello che racconterà tutto su “Antonio Abate: un Santo dei nostri”. Moderatore il giornalista Bepi Pucciarelli.

Il “cerimoniale” sarà accompagnato dalle note del quartetto “Soavi accenti” per essere quindi esaltato dalla presentazione del tredicesimo Quaderno della verza e del primo libro per immagini di Sant’Antonio. Completano il programma concorsi di prodotti rurali, mostre d’arte sacra, e, per finire in gloria appuntamento finale al desco della “sposa” sicuramente contornata di “paggetti”, ovvero i suoi accompagnatori abituali e (chissà) il suo “sposo segreto”.

Le foto si riferiscono a precedenti edizioni.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!