C’è anche il Cotto in crosta triestino alla Settimana della cucina italiana nel mondo

20 Novembre 2016

TRIESTE. Apre i battenti lunedì 21 novembre, con una serie di eventi simultanei in 105 Stati, la prima Settimana della cucina italiana nel mondo promossa dal Governo. Una iniziativa unica, che punta non solo a promuovere la cultura gastronomica del Bel Paese, ma anche a rafforzare la presenza della cucina italiana all’estero e la conoscenza dei “percorsi turistici del gusto” in Italia. Un’occasione che Trieste non poteva certo lasciarsi sfuggire: e così i salumi tipici della tradizione come il “CottoTrieste” e altre specialità prodotte dalla Masè voleranno in Costa d’Avorio, ad Abidjan, per partecipare agli eventi in programma nella capitale ivoriana dal 21 al 27 novembre nell’ambito della kermesse.

“Un’occasione unica per far conoscere la nostra tradizione all’estero – commenta l’amministratore delegato della Masè Stefano Fulchir –. La Costa d’Avorio ha già manifestato di apprezzare le nostre specialità in altre occasioni di incontro e siamo convinti che ci siano buone opportunità di relazione con il loro sistema produttivo. L’economia del Paese è in piena espansione e le ultime previsioni la classificano come l’economia più dinamica dell’Africa sub-sahariana per il prossimo biennio”.

Ideata dal Ministero degli esteri e dal Ministero dell’agricoltura, la prima “Settimana della cucina italiana nel mondo” prevede più di 1.300 eventi in 105 stati diversi, dagli Usa al Canada, al Brasile, Russia, Cina e Giappone per citarne alcuni. L’iniziativa si inserisce nel piano per la promozione e la difesa del vero Made in Italy agroalimentare all’estero e ha tra gli obiettivi quello di far conoscere le produzioni agroalimentari e vitivinicole italiane, con particolare riferimento ai prodotti di qualità certificata. Gli appuntamenti sono consultabili sul sito web http://eventisistemapaese.esteri.it. Con l’hashtag ufficiale #ItalianTaste, inoltre, sarà possibile seguire gli eventi in tempo reale sui social network Twitter e Facebook.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!