Cavazzo: petizione per il lago

13 Dicembre 2013

CAVAZZO. E’ stata avviata una petizione on line indirizzata al presidente della Regione FVG per chiedere una legge speciale per il Lago di Cavazzo/Tre Comuni. “Debora Serracchiani, Presidente della Regione Friuli Venezia Giulia – dice il documento – promuova in Consiglio Regionale una legge speciale per il ritorno alle originarie condizioni naturalistiche del più grande lago del Friuli V. G., quello di Cavazzo (o dei Tre Comuni)”. La petizione è stata lanciata sulla piattaforma www.change.org. Essa è promossa da Remo Brunetti di Cavazzo e sostenuta dal blog “Alesso e Dintorni”.

cavazzo lagoIl Lago di Cavazzo (noto anche col nome di “Lago dei Tre Comuni” riferito ai territori di Bordano, Cavazzo Carnico e Trasaghis) è il più grande specchio d’acqua naturale della Regione. E’ stato oggetto, da oltre 50 anni, di violenze a livello ambientale legate essenzialmente al funzionamento della centrale idroelettrica di Somplago (immissione di acque gelide, di limo, con sbalzi di livello, scomparsa di alcune specie ittiche, eccetera). È recente l’ufficiale rinuncia della Ditta Edipower alla procedura finalizzata all’ottenimento dell’autorizzazione alla costruzione e all’esercizio dell’ampliamento della sua centrale di Somplago, con il sistema di pompaggio che tante preoccupazioni aveva innescato per le conseguenze ambientali. Da più parti si chiede quindi un futuro di “rinaturalizzazione” del lago, che potrà avvenire solo portando fuori le acque turbinate a Somplago, incanalandole nel torrente Leale.

Viene chiesta dunque una legge speciale regionale per il lago, come è stato fatto per Grado o per Sauris, verso la definizione di un progetto di sviluppo di un’area, quella del lago, che possa estendersi a tutto il Gemonese, attraverso un’attenta valorizzazione (ambientale, turistica, economica) di un sito ambientale unico nella nostra Regione. La legge dovrebbe dunque pianificare le fasi dell’installazione di una condotta che porti a valle del lago gli scarichi dell’attuale centrale idroelettrica di Somplago.

La petizione può essere sottoscritta andando su http://chn.ge/1902Tqh

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!