Castello Spessa: Pinot Bianco Santarosa, il più premiato

14 Ottobre 2019

Vigna dei 3 Pinot

CAPRIVA. Il Pinot Bianco Santarosa 2018 dell’Azienda vinicola Castello di Spessa si è aggiudicato i Tre Bicchieri sulla Guida Gambero Rosso 2020, i 95 punti della Guida Essenziale ai Vini d’Italia 2020 di DoctorWine by Daniele Cernilli e le 4 viti della Guida Vitae 2020 dell’Ais, confermandosi il vino più premiato dell’azienda vinicola di Capriva. Il Pinot Bianco Santarosa prende il nome dalla famiglia nobile che fu proprietaria del Castello di Spessa nel corso dei secoli.

È un vino bianco di estrema raffinatezza e nella micro zona di Capriva, nel cuore del Collio Goriziano, esprime il meglio della sua eleganza, grazie al terroir unico. Il suo segreto è l’immediata separazione della buccia dal mosto per preservare freschezza, armonia e fragranza. Si abbina a pesce, primi piatti a base di verdure e secondi di carne bianca. Il Pinot Bianco Santarosa, assieme al Pinot Grigio Joy e al Pinot Nero Casanova, proviene da uve raccolte nella “Vigna dei 3 Pinot”, sulle rinomate colline che circondano il Castello. Questa speciale vigna è affidata alla maestria di Marco Simonit, Master Pruner di fama internazionale, che ha predisposto una forma di allevamento originale, poco utilizzata in Friuli, ma tipica delle zone più rinomate per i Pinot di qualità, come la Borgogna e lo Champagne. L’obiettivo è di preservare l’ambiente, facendo durare le viti 50 o 60 anni. Pertanto vengono allevate con grande rispetto, senza sfruttarle al massimo e attendendo i tempi della natura, che spesso oggi vengono dimenticati.

Proprietaria dell’Azienda vinicola Castello di Spessa è la famiglia Pali che, perpetuando la tradizione vitivinicola e di ospitalità del luogo, ha fatto del maniero il cuore di un raffinato Golf&Wine Resort.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!