Borderwine parte bene

26 Maggio 2019

CIVIDALE. L’edizione 2019 di Borderwine è iniziata con un afflusso di pubblico senza precedenti: l’evento che in soli 4 anni è diventato tappa obbligatoria per tutti gli amanti del vino naturale, per gli operatori del settore e per i ristoratori italiani e d’oltralpe, si riconferma un successo fin dalle prime ore. Merito del sole e della temperatura primaverile, ma soprattutto di un’organizzazione ormai collaudata per il Salone transfrontaliero del vino naturale: quello che nella prima edizione nasceva da un’idea visionaria dei suoi fondatori, Fabrizio Mansutti e Valentina Nadin, è diventato velocemente storia di successo fatto di ricerca, di passione per il lavoro, di conoscenza della materia, di relazioni con i produttori e i vignaioli.

Borderwine è un viaggio nel vino “fatto alla vecchia maniera” che passa per il meglio dei produttori locali e italiani e che abbraccia i confini del nord est: sotto i portici del Monastero di Santa Maria in Valle di Cividale ci sono infatti oltre 60 cantine, 22 delle quali provenienti da Austria e Slovenia. Il sindaco di Cividale Stefano Balloch, infatti, ha rimarcato che “Borderwine ha reso Cividale, già gioiello di storia, di cultura e patrimonio Unesco, il riferimento per il vino naturale e per la gastronomia d’eccellenza, nonché punto di incontro per i produttori di confine, in linea con la vocazione transfrontaliera della città”.

Il consigliere regionale Mauro di Bert ha portato i saluti della Regione ed in particolare dell’Assessore Sergio Emidio Bini: “Questa amministrazione è particolarmente attenta allo sviluppo del territorio e ai progetti che come questo coniugano enogastronomia, alta qualità delle produzioni e opportunità di incontro e sviluppo oltre confine. Non è facile gestire questo tipo di eventi: per questo voglio ringraziare gli organizzatori che con coraggio e grande impegno ci hanno sempre creduto”.

Borderwine è anche eccellenza agroalimentare con i presìdi Slowfood del Friuli Venezia Giulia e le specialità preparate al momento dalla Ciclofocacceria Mamm di Udine, dalla gastronomia L’Alimentare di Udine, dal ristorante Al Tiglio di Moruzzo e da Ai Troeggi di Genova. Borderwine è un programma serrato di due giorni di degustazioni speciali, masterclass, incontri ed approfondimenti con vignaioli ed esperti. Quest’anno gli ospiti sono davvero speciali con le performance culinarie a cura di Lorenzo Sandano de L’espresso e Cook_inc che arriva direttamente dal cooking show “Cuochi e Fiamme”, accompagnato da Gaetano Saccoccio di Natura delle Cose.com, che guiderà gli ospiti in un vero e proprio viaggio alla scoperta del vino naturale. Borderwine quest’anno celebra la magia e la bellezza potente delle vigne attraverso l’arte con la mostra del fotografo friulano Fabrice Gallina che espone nel chiostro alcuni dei suoi scatti più belli che raccontano il territorio e il mondo del vino.

Lunedi sera dalle 19 ingresso libero per l’aperitivo Osteria Evolution. Musica dal vivo con i Blues in the pocket, buon vino e ottimo cibo con i piatti di: “Al Cjasal” (San Michele al Tagliamento), “Mazzo” (Word Tour), “Punto” (Lucca), “Tosto” (Altri) e Barred (Roma).

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!