Bernardis: il sostegno alla lingua friulana è tutelato

30 Ottobre 2019

TRIESTE. “Con l’approvazione del disegno di legge n. 68 – si legge in un comunicato – abbiamo riconosciuto il grande impegno e la dedizione di quelle associazioni che lavorano al fine di tutelare e valorizzare la lingua friulana e le minoranze linguistiche della nostra regione. L’obiettivo è quello di consentire loro un ancor più proficuo ed efficace lavoro, valutando le attività svolte dal punto di vista qualitativo e perseguendo la valorizzazione delle lingue e delle culture minoritarie che caratterizzano il Friuli Venezia Giulia e che hanno contribuito a determinarne la specialità regionale”.

Questo il commento del presidente della V Commissione e relatore di maggioranza, Diego Bernardis, che aggiunge: “Rivolgo un sincero plauso all’assessore alle autonomie locali, Pierpaolo Roberti, sempre attento a recepire le istanze provenienti dal territorio e che, con grande spirito costruttivo, ha voluto fare proprie alcune proposte sollevate nel corso del dibattito ed espresse dal presidente dell’Assemblea delle Comunità Linguistiche Friulane, Markus Maurmair”.

“Grazie alla volontà di questa amministrazione regionale – continua Bernardis – le associazioni storiche sono tutelate, il sostegno alla lingua friulana c’è e i contributi sono garantiti ancora per un anno. Nel frattempo verranno predisposti i nuovi bandi pubblici e verrà avviata una nuova fase per la tutela e la valorizzazione della lingua friulana”.

“La Terza Conferenza regionale sulla tutela della minoranza linguistica friulana, di cui è stata finanziata l’organizzazione con un apposito contributo, o anche l’istituzione di un albo regionale delle associazioni culturali e linguistiche, che racchiuda tutte le realtà del nostro territorio che soddisfano determinati requisiti, sia di qualità che di produttività e storicità, rappresentano il cambio di passo per perseguire quell’obiettivo di efficacia ed efficienza che in qualità di amministratori pubblici abbiamo il dovere di perseguire”.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!