Babbi Natale e Befane in corsa per solidarietà

2 Gennaio 2017

PORDENONE. Edizione numero 4 per la “Corsa dei Babbi Natale e delle Befane” che quest’anno tenterà di battere il record delle quasi 500 presenze registrate l’anno scorso. Marcia non competitiva senza limiti di età, proporrà due percorsi che si snoderanno lungo le vie di Pordenone e sarà aperta a bambini, ragazzi, genitori, nonni e a chiunque desideri trascorrere la giornata dell’Epifania sgambettando o anche solo passeggiando lungo la Città del Noncello e in buona compagnia. Come da tradizione, il ricavato verrà donato all’Istituto comprensivo di Pordenone Sud. La partenza il 6 gennaio alle 10 dalla Loggia del Municipio.

Ad organizzare la “marcia di comunità”, che è già diventata a Pordenone uno degli eventi più attesi d’inizio anno, un pool di associazioni unite dallo spirito di condivisione e solidarietà: la Polisportiva Villanova Judo Libertas, il Gruppo Marciatori Vallenoncello, l’Associazione Alpini Ana Centro, l’Agesci di Villanova e Vallenoncello, gli Assiscout, in collaborazione con l’Istituto Comprensivo Pordenone Sud, il Progetto Genius Loci e il Comune di Pordenone.

La manifestazione, non competitiva, a passo libero e con scopo benefico, si terrà venerdì con ritrovo per tutti nella Loggia del Municipio, in Corso Vittorio Emanuele a Pordenone. Anche quest’anno saranno due i percorsi previsti, da 5 e 10 km, iscrizioni dalle 9.30 alle 10 del 6 gennaio e partenza alle 10. Premiazioni alle 12 sempre alla Loggia del Municipio ai gruppi più numerosi, nessun limite di età, due ristori lungo il percorso da 10 km, un ristoro lungo il percorso da 5 km, un ristoro all’arrivo. Quote d’iscrizione: bambini e ragazzi fino a 14 anni 3€, adulti 4€. Il ricavato, come tradizione, sarà destinato all’Istituto Comprensivo di Pordenone Sud.

Genius Loci è il progetto attivo nella Circoscrizione Sud di Pordenone, nato dalla collaborazione tra Aas n.5 Friuli Occidentale, Provincia, Comune di Pordenone e Cooperative sociali Acli, Fai e Itaca per l’attivazione di un nuovo welfare di comunità che veda i cittadini attivi nel modificare il proprio contesto di vita, fianco a fianco con servizi ed istituzioni. Il progetto si avvale di operatori di comunità presenti nei quartieri per costruire progetti di promozione del benessere insieme ai cittadini, alle associazioni, alla scuola, alle parrocchie, alle istituzioni socio-sanitarie del territorio.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!