Avvicinarsi e capire l’affido anche attraverso due film

7 Marzo 2015

10776_422567474540653_1374873211_nPORDENONE. Il mese di marzo a Pordenone è anche dedicato alla tematica dell’affido visto attraverso l’obiettivo dell’arte cinematografica: L’Arcobaleno Onlus propone nella sala grande del Cinemazero la rassegna “Relazioni che aprono all’amore”. Due gli appuntamenti in calendario: lunedì 9 marzo Monsieur Lazhar, film di Philippe Falardeau e lunedì 23 marzo Sister, film di Ursula Meier. L’ingresso è gratuito. Entrambe le proiezioni avranno inizio alle 20.30. Al termine, è previsto un dibattito moderato da Lorena Fornasir, psicologa psicoterapeuta supervisore dell’area accoglienza familiare de L’Arcobaleno Onlus la quale avrà il compito di introdurre il pubblico al tema dell’affido familiare.

“L’intento della rassegna – spiega suor Cecilia responsabile dell’accoglienza alla casa famiglia gestita dalla Onlus a Porcia – è quello di far riflettere le persone sulle relazioni e sulla possibilità di aiutare alcuni bambini e famiglie. Inoltre con l’occasione daremo informazioni sul ciclo di incontri di avvicinamento al sostegno e affido familiare che si svolgerà dal 5 maggio al 3 giugno nella sede della nostra associazione”.

10417013_547830892014310_5337043676100204291_nI film in programma sono due storie commoventi che parlano di relazioni tra adulti a bambini. Il primo, Monsieur Lazhar, racconta la storia della perdita di affetti importanti attraverso la condivisione di un microcosmo variegato e problematico come quello della scuola. Il secondo, Sister, è un film sociale che descrive il difficile rapporto tra un fratello e una sorella rimasti soli al mondo, rapporto però, e lo si scoprirà solo alla fine, che nasconde uno strano segreto.

La casa famiglia L’Arcobaleno è da più di 20 anni attiva nell’aiutare bambini e ragazzi, nella fascia d’età dai zero ai quattordici anni, in situazioni di disagio familiare. “Finora abbiamo accolto 140 bambini inviati dai servizi sociali territoriali – racconta suor Cecilia – , alcuni in forma residenziale, altri in forma diurna, accompagnandoli al reinserimento nella famiglia di origine o ad un eventuale affido. Inoltre, dal 1994, abbiamo accompagnato oltre 50 coppie e singoli aperti alla possibilità di diventare famiglie di sostegno o affidatarie. I nostri corsi base di affido, dal 2007 ad oggi, sono stati frequentati da oltre 150 persone, in coppia o singoli. E speriamo che anche grazie a queste nuove attività di promozione, in futuro ce ne siano molte di più”.

La rassegna si avvale del patrocinio de il Comune di Pordenone e l’Ambito Urbano 6.5, del Comune di Porcia, l’Ambito Sud 6.3, l’AAS5, il Centro Servizi Volontariato del Friuli Venezia Giulia, la Regione – assessorato alla cultura, sport e solidarietà – servizio volontariato, associazionismo, rapporti con i migranti e politiche giovanili e della collaborazione del Cinemazero di Pordenone.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!