Domenica si saprà I Mondiali di deltaplano li farà il FVG?

19 Febbraio 2016

TOLMEZZO. Domenica 21 febbraio gli appassionati di volo libero e tutto il Friuli Venezia Giulia voleranno con il pensiero a Losanna, dove la Federazione Aeronautica Internazionale sarà chiamata a decidere a quale Stato assegnare il compito di organizzare il 22° Campionato Mondiale di Deltaplano (2019) per il quale l’Italia si è candidata presentando un progetto articolato che mette in primo piano il Friuli Venezia Giulia. Team Volo Libero Carnia e Aero Club Lega Piloti, sotto l’egida dell’Aero Club d’Italia, hanno sottoposto alla Federazione un progetto innovativo che, per la prima volta, include nell’area di gara territori estremamente variegati estesi su tre nazioni (Italia, Slovenia e Austria), il coinvolgimento di oltre un centinaio di volontari e base operativa in Friuli Venezia Giulia.

Mondiali deltaplano FVG 2019 (2)Nel caso in cui la proposta italiana risultasse la prescelta, i piloti avrebbero modo di contendersi il titolo sorvolando il territorio friulano, zona conosciuta ed apprezzata a livello internazionale dagli appassionati di questa disciplina, passando dalle Alpi alla pianura, dal mare alle Dolomiti, per poi sconfinare in Veneto, Trentino Alto Adige e nelle vicine Austria e Slovenia. I siti di volo, dislocati sull’intera regione e distanti non più di un’ora e trenta dal centro operativo collocato a Tolmezzo, spaziano tra zone climatiche che, seppur vicine, offrono condizioni di volo molto diverse, fattore che permetterebbe di ovviare a condizioni meteorologiche non favorevoli durante la competizione.

“Questa candidatura rappresenta una grande opportunità per la nostra Regione. Una risorsa per favorire la promozione e la conoscenza di un luogo sorprendente e ricco di opportunità a contatto con il nostro patrimonio naturale”, queste le parole di Sergio Bolzonello, Vicepresidente del Friuli Venezia Giulia, che sostiene il progetto che punta a coinvolgere il territorio e a creare ricadute economiche e occupazionali sul lungo periodo.

Un movimento in continua espansione quello degli appassionati di deltaplano, la cui nazionale ha guadagnato per otto volte, di cui le ultime quattro di fila, il gradino più alto del podio nelle competizioni mondiali grazie a piloti pluri medagliati a livello individuale e della quale fa parte anche Suan Selenati, campione carnico. Con il supporto delle amministrazioni e delle associazioni sportive del territorio, Team Volo Libero Carnia, noto per l’eccellente lavoro svolto nel 2012 con Volo Libero Friuli in occasione dei Campionati Italiani, e AeC Lega Piloti, impegnato in prima linea nella promozione e nello sviluppo del volo libero, stanno lavorando ad un progetto unico e spettacolare, capace non solo di offrire un’esperienza irripetibile e coinvolgente ai piloti e a tutti gli appassionati di questo sport, ma anche di veicolare a livello mondiale le peculiarità friulane.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!