Asugi: tracciamento non più possibile, limitarlo ai positivi

12 Gennaio 2022

TRIESTE. “Ogni giorno solo a Trieste abbiamo 800-1.000 positivi. Il contact tracing funziona quando si hanno 50-60 positivi al giorno nuovi, questa è letteratura. Il tracciamento significa che intervisto ciascun positivo e ci metto mezz’ora per ricostruire tutti i contatti, poi chiamo tutti i contatti e faccio fare i tamponi. In una situazione pandemica come oggi, questo diventa impossibile e praticamente inutile”. Lo spiega alla Agenzia Dire Andrea Longanesi, il direttore sanitario dell’Azienda sanitaria universitaria Giuliano Isontina (Asugi), a margine del consuntivo delle attività del centro vaccinazione in ambiente protetto dell’ospedale Cattinara di Trieste.

Che il tracciamento sia impossibile è noto a ogni livello, osserva il direttore, ma continua a essere fatto perché lo prevedono le norme nazionali. “L’alternativa sarebbe – aggiunge – prendere in carico solo i positivi, far loro il tampone subito e dopo 5 giorni, seguire l’evoluzione della loro positività: seguire solo loro. Ma il decreto che è uscito il 5 gennaio – precisa Longanesi -, secondo cui tutti possono fare i tamponi in farmacia, quindi diventare negativi con iniziativa autonoma, va già un po’ nella direzione del superamento del tracciamento”.

In questo momento l’Asugi ci mette circa 7-8 giorni a contattare i sospetti positivi per il tampone, continua il direttore: “Ci vorrebbe sì un potenziamento del dipartimento di Prevenzione, ma non è una cosa che si fa dall’oggi al domani. Adesso stiamo riorganizzando, mettendoci personale sanitario e amministrativo formato perché chiami a casa tutte le persone, con un medico che coordina, in modo da velocizzare i tempi. Penso che nel giro di una settimana – conclude Longanesi – riusciremo a ridurre drasticamente quei tempi”.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!