Articolato evento d’incontri e dibattiti contro il ‘caporalato’

10 Febbraio 2022

SAN GIORGIO DELLA RICHINVELDA. Si terrà a Rauscedo di San Giorgio della Richinvelda il quarto dei 12 seminari regionali previsti dal progetto Rural Social Act. L’appuntamento di venerdì 11 febbraio (alle 9.30, al Vcr Research Centre), grazie al contributo dei relatori e al racconto di esperienze “sul campo”, approfondirà alcuni aspetti sulle “Buone pratiche di contrasto al caporalato” che favoriscono lo sviluppo di filiere agroalimentari inclusive, con particolare riferimento al Fvg.

Si parlerà delle sfide principali da mettere in atto per migliorare il funzionamento della filiera agroalimentare: la prevenzione di pratiche sleali di mercato; il contrasto alla dispersione di valore lungo la filiera; la trasparenza del mercato del lavoro agricolo e la semplificazione delle procedure amministrative; la promozione di meccanismi quali la responsabilità solidale, la tracciabilità e la certificazione dei prodotti; le forme di aggregazione dei produttori. Il seminario, partendo dalle buone prassi diffuse in regione, si concentrerà pure sulle leve necessarie per promuovere un tessuto di aziende agricole sostenibili, nel quale sia possibile: garantire un alto livello qualitativo dei prodotti, assicurare condizioni di lavoro dignitose, valorizzare il potenziale economico delle imprese e promuovere la crescita e il benessere dei diversi territori.

Ai saluti di Corrado Franci, coordinatore nazionale progetto Rural Social Act e del presidente di Cia Fvg – Agricoltori Italiani, Franco Clementin, farà seguito un Tavolo di lavoro coordinato dalla giornalista del Messaggero Veneto, Luana de Francisco su: “Sfruttamento del lavoro, caporalato e agromafie in Friuli VG”. Su “Cosa emerge dalla stampa”, si incentrerà l’intervento di Federico Berti, del Centro studi in agricoltura sociale. Le indagini aperte in regione saranno illustrate dal Procuratore capo di Udine, Massimo Lia e, infine, Ivana La Trofa, membro dell’Equipe Caritas Diocesana di Concordia-Sagittaria, proporrà un approfondimento su: “I vulnerabili vittime del caporalato: dati e riflessioni sui migranti in Fvg”.

Piccolo Principe di Casarsa

A seguire, una Tavola Rotonda su: “Filiere etiche e buone prassi: reti locali per generare nuove opportunità nelle comunità“, coordinata dal sociologo Paolo Tomasin. È prevista la partecipazione di Francesca Giarè, di CreaPh (Agricoltura sociale, immigrazione e politiche di inclusione nel settore agroalimentare); Paolo Del Negro (Il modello di filiera lavorativa di Rural Social Act in vg); Flavio Bellomo, presidente della cantina cooperativa La Delizia (Inclusione, sostenibilità e impresa); Massimo Moretuzzo, consigliere regionale (Il Distretto dell’Economia Solidale di Friûl di Mieç); Davide Frustari e Pietro Boriotti (L’integrazione con gli altri Fami in Fvg) e le testimonianze di alcuni giovani immigrati ora impiegati nelle realtà della rete FamiI. Saranno presenti gli assessori regionali alle Risorse agroalimentari Stefano Zannier e al Lavoro Alessia Rosolen.

Info: seminari.ruralsocialact@gmail.com

Condividi questo articolo!