Appello di Il Piccolo Principe a donare il 5×1.000

29 Aprile 2021

CASARSA. Nonostante l’emergenza Covid-19, la cooperativa sociale Il Piccolo Principe di Casarsa è riuscita in questi ultimi mesi a riattivare tutti i propri servizi a favore della popolazione e ha aumentato sensibilmente il numero di lavoratori coinvolti in quanto, a causa della pandemia, è stato necessario integrare del personale con contratti spesso part time. Per continuare a crescere e ad aiutare famiglie, minori, persone fragili, per sviluppare nuovi progetti di agricoltura sociale e supportare l’equosostenibilità, la cooperativa lancia un appello a sostenerla attraverso lo strumento del 5 per mille. A dare voce a questo appello sono gli stessi soci lavoratori che sono diventati i protagonisti di un video, pubblicato su Facebook e sul sito internet del Piccolo Principe, in cui viene messo in luce il lavoro della cooperativa affinché tutte le persone che coinvolge, fragili e non, siano valorizzate e possano svolgere un ruolo attivo per il bene della comunità, col messaggio che è poi lo slogan di questa campagna “Dai valore ad un gesto”.

“È stato un anno e mezzo intenso a causa dell’emergenza Covid-19 – informa il presidente Luigi Cesarin –, ma grazie all’energia e alla volontà di metterci in gioco, siamo riusciti ad ampliare alcuni servizi come i servizi accoglienza pre e post scuola e il servizio di accompagnamento dei minori che optano per il trasporto scolastico (scuolabus) e per poter garantire tutti i servizi ai Comuni che ne hanno fatto richiesta abbiamo assunto nuove persone: in totale contiamo su una trentina di operatori dedicati a questi servizi oltre che su diversi volontari”.

In totale, Il Piccolo Principe può contare su 87 soci e 124 lavoratori, di cui 23 svantaggiati, mentre sono in totale 44 le persone con fragilità che nel 2020 hanno seguito un percorso di formazione e inserimento lavorativo all’interno della cooperativa casarsese. Il ventaglio delle prestazioni è amplio: dai servizi socio educativi al centro socio occupazionale per persone con disabilità, dai laboratori di assemblaggio a La Cucina delle Fratte, dal servizio di distribuzione automatica Equosolda Fvg alla fattoria didattica e sociale La Volpe sotto i Gelsi.

“Il filo conduttore in tutte le nostre attività – spiega il presidente Luigino Cesarin – è basato sulla dignità di ogni singola persona, da valorizzare e tutelare sia essa minore, adulto, persona svantaggiata o disabile. Seguendo tale principio abbiamo avviato nel corso di questo trentennio varie progettualità, sempre rimanendo legati al nostro territorio di origine e alle sue comunità. Per questa ragione facciamo appello a tutti i nostri soci e simpatizzanti: scegliete di donare il 5 per mille al Piccolo Principe così darete valore ad un gesto e sosterrete un’attività che coinvolge tante persone sul nostro territorio”.

Argomenti correlati:

Condividi questo articolo!