Anche la squadra di Itaca alla Staffetta di Telethon

5 Dicembre 2020

GEMONA. Torna anche quest’anno dal 12 al 20 dicembre la Staffetta Telethon anche se con un’edizione diversa, che si correrà a distanza nel pieno rispetto delle normative nazionali e regionali per il contenimento del contagio da Covid-19. All’edizione 2020, la numero 22, per il quinto anno consecutivo parteciperà anche “Vicini Lontani” la squadra della Cooperativa sociale Itaca, presente con 24 beneficiari dei servizi della disabilità, che correranno o anche solo cammineranno ognuno nel proprio comune di residenza o in quello in cui è ubicato il servizio cui afferiscono.

Una decina i servizi dell’area disabilità coinvolti: Villa Cavour di Tolmezzo, la Comunità Esemon di Enemonzo, il Csre di Pontebba, l’ex Cata e il Dopo di noi di Gemona, Cjase San Gjal di Ragogna, il Dopo di noi di Vidulis di Dignano, la Comunità Cjase nestre di Udine e il Dopo di noi di Gradiscutta di Varmo.

I beneficiari dei servizi Itaca che parteciperanno potranno farlo in piena autonomia, anche in orari sovrapposti all’interno delle giornate previste, potranno correre o camminare da soli o, se necessario, affiancati da un operatore, rispettando così i tempi e le necessità di ogni singola persona e anche le restrizioni anti Covid-19. Sarà solo indispensabile uno smartphone e aver scaricato la app Telethon Udine per monitorare il percorso (cliccando sul link sono presenti tutte le informazioni per il download, la configurazione e l’utilizzo).

L’idea di partecipare con una squadra Itaca alla Staffetta nasce dallo sviluppo di un progetto di inclusione sociale rivolto a persone con disabilità in Carnia e alto Friuli. Tra gli obiettivi rendere le persone protagoniste attive all’interno delle comunità di appartenenza e portare concretamente un contributo all’iniziativa Telethon Udine. Da ormai 22 anni, la Staffetta Telethon 24 per un’ora è uno degli appuntamenti clou dell’ultima parte dell’anno a Udine. Si tratta di una maratona solidale non competitiva e aperta a tutti, che, nell’arco delle 24 ore, vede altrettanti staffettisti scambiarsi il testimone con un unico obiettivo: raccogliere fondi a favore della ricerca scientifica contro le malattie genetiche rare targata Fondazione Telethon.

L’appuntamento 2020, nel rispetto delle norme anti-Covid, non si potrà tenere in presenza, ma si trasformerà in un grandissimo abbraccio virtuale. Tutti potranno partecipare a distanza, donando un’ora del proprio tempo per sostenere la lotta contro le malattie genetiche rare. Edizione dopo edizione, l’evento è cresciuto sempre più, riuscendo a raccogliere e devolvere interamente alla Fondazione Telethon, solo nelle ultime cinque edizioni, oltre un milione di euro.

Condividi questo articolo!