Alla scoperta di Prossenicco Una settimana per i ragazzi

6 Agosto 2022

TAIPANA. Partire per ritrovarsi e riscoprire il bello di tutto quello ci circonda: natura, tempo, silenzi e amicizia. Con questo spirito sta per iniziare la settimana di permanenza e scoperta di Prossenicco (Taipana): sono tanti, infatti, i giovani pronti a cominciare la scoperta di uno dei borghi più belli e caratteristici dell’intero Friuli; la settimana (8-13 agosto) è organizzata dal Tomadini e dalla Polisportiva Lizzi.

La permanenza nel piccolo borgo nasce da un’idea degli organizzatori che vogliono offrire ai giovani una settimana diversa, fatta di scoperte e di un ritorno al passato, quando l’interazione con la natura e anche tra le persone era molto più una costante. Si parte con una lezione di sicurezza sul fiume, poi una visita al borgo abbandonato di Sredgnobardo/Tancretegna, ci sarà poi la salita al Monte Joanaz dove si parlerà di storia transfrontaliera; immancabile la passeggiata verso la cascata Cukula e, per concludere, ci sarà l’escursione con pranzo allo storico Ponte della Capra.

“Vorrei che i ragazzi tornassero sereni, liberi, se stessi – commenta Luca Rui, direttore del Tomadini e uno degli organizzatori della settimana a Prossenicco – mi piacerebbe che rientrassero nella propria quotidianità con la consapevolezza di aver fatto molte cose e visto posti nuovi, ma soprattutto con l’idea di aver deciso da soli cosa fare del proprio tempo, senza imposizioni! Con pochi no e molti sì! Vorrei che i ragazzi si sentissero liberi. Liberi di sbagliare, liberi di parlare, liberi di ascoltare, liberi di rimanere a chiacchierare tra di loro. Conoscersi e confrontarsi. Tutto questo, chiaramente, inserito in un contesto dove la riscoperta delle tradizioni di un borgo storico e le bellezze della natura che lo circondano devono farla da padrona. Ultimi ma non meno importanti i ringraziamenti. Senza queste persone non avremmo potuto realizzare nulla: il comune comune Taipana, il sindaco Alan Ceccutti, le due Pro Loco, i miei amici e collaboratori, l’agriturismo Brez Mej e l’antica Osteria al Centro”.

Condividi questo articolo!